IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Regi Tratturi: riscoperta, recupero e valorizzazione

Si terrà venerdì prossimo 12 luglio, a partire dalle ore 9 all’Aquila, nell’Aula Magna del Corpo Forestale dello Stato, il convegno dal titolo “Regi Tratturi: riscoperta, recupero e valorizzazione”. Il convegno è organizzato dal Corpo Forestale dello Stato (Ufficio Territoriale per la Biodiversità dell’Aquila) in collaborazione con la Regione Abruzzo e la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo.

Lo stato dei cinque Regi Tratturi che partono dall’Abruzzo per raggiungere la Puglia sarà esaminato dai responsabili della Regione e della Soprintendenza.

Saranno poi illustrati i progetti realizzati ed in corso di realizzazione da parte del Corpo Forestale dello Stato volti al recupero ed alla valorizzazione dei Regi Tratturi L’Aquila-Foggia e Celano Foggia. Tutte le principali esperienze di percorrenza a piedi di quattro dei cinque Regi Tratturi, tre dei quali sono rese fattibili anche grazie alla recente pubblicazione di complete guide escursionistiche, saranno illustrate direttamente dai protagonisti, associazioni e singoli cultori ed appassionati.

Sarà infine proiettato in anteprima un filmato sulla transumanza e i Regi Tratturi appena realizzato dai registi Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli.

«Il Corpo Forestale dello Stato – si legge nella nota – attraverso i suoi Uffici Territoriali per la Biodiversità di Abruzzo e Molise, è impegnato nella realizzazione di interventi sui Regi Tratturi tesi alla salvaguardia e al miglioramento degli ecosistemi, alla conservazione e all’incremento della biodiversità, al miglioramento della qualità ambientale, nonché alla facilitazione della fruizione da parte dei visitatori. I tracciati dei Regi Tratturi saranno valorizzati dal punto di vista ecologico e culturale, in quanto vere e proprie “spine dorsali” del cammino della civiltà. Infatti, lungo i loro antichissimi percorsi, si sono sviluppate fin dalla preistoria le migrazioni dei grandi ungulati selvatici, seguite poi dalla transumanza. Questa attività è stata poi organizzata e protetta in Età Romana ed i Tratturi sono divenuti infine “Tratturi Regi” nel Regno delle Due Sicilie. Lungo l’asse del Tratturo Magno L’Aquila-Foggia, ad esempio, si sono sviluppati numerosissimi insediamenti di Età Italica e tutti i moderni centri abitati dell’alta Valle dell’Aterno».

X