IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ultimazione restauro copia ‘La Visitazione’

I Frati Minori Cappuccini d’Abruzzo del Convento di Santa Chiara in Borgo Rivera, rendono noto alla città che è stato ultimato il restauro dell’olio su tavola del dipinto “La Visitazione” copia dell’originale di Raffaello, conservato al Museo del Prado di Madrid.

«La realizzazione della copia – si legge nella nota – si fa risalire all’inizio del XVII sec., e prima del terremoto si trovava ubicata insieme ad altri oli su tela, nel coro della chiesa di Santa Chiara in Borgo Rivera. Il dipinto, dopo il terremoto unitamente ad altre opere sacre, era stato portato in salvo nel Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova presso il Santuario della Madonna dello Splendore. Da qui, ha atteso che giungesse il momento del restauro, che è arrivato grazie al progetto “Un altro domani” di Paola Aromatario, legato al ricavato delle vendite di un DVD, un audio-video-racconto, con immagini ad alta definizione estratto dal libro scritto dalla stessa Aromatario dal titolo “Ricomincio da zero anzi da 3,32”».

{{*ExtraImg_146496_ArtImgLeft_300x401_}}

«Il Dvd – si legge ancora nella nota – è stato realizzato in collaborazione con altri professionisti che hanno messo a disposizione gratuitamente, la loro professionalità per aiutare la nostra città a ripartire anche attraverso l’arte e che sono: la giornalista Angela Ciano, il regista Sergio Ciarrocca, il maestro d’orchestra Marco Taralli, l’attrice Patrizia Bellezza e la sociologa Anna Maria Paola Toti. Si è trattato di un progetto di ricostruzione partecipata, sposato dall’associazione culturale Centro Studi per il Progresso dell’Aquila, che attraverso il ricavato delle vendite dei Dvd e contributi istituzionali, ha raccolto la consistente cifra di 13.200 euro, donati ai Frati Cappuccini di Santa Chiara e necessari per riportare il piccolo capolavoro, agli antichi splendori. Il pregio dell’opera consiste nel fatto che la stessa, oltre ad essere legata ad un particolare momento della storia della nostra città, è una delle poche copie, se non l’unica, esistente su tavola».

«Il restauro – si legge – iniziato a gennaio di quest’anno, ha avuto termine nel mese di giugno. Il 28 giugno infatti, la tavola è stata trasportata di nuovo al Museo dello Splendore di Giulianova e per il prossimo autunno i Frati di Santa Chiara annunciano che verrà organizzato un evento nella nostra città per festeggiare insieme alla cittadinanza tutta, l’avvenuto restauro e poter così ri-ammirare la tavola dal vivo».

{{*ExtraImg_146497_ArtImgRight_300x401_}}

«La volontà – conclude la nota – è quella, non appena completati i lavori della chiesa di Santa Chiara, di ricollocare l’opera nella sua postazione originaria all’interno del coro. Questo progetto, ha preso avvio, in collaborazione con l’ufficio del Vice Commissario per i Beni Culturali ingegnere Luciano Marchetti e portato anche a conoscenza della Direzione Regionale per i Beni Culturali dell’Aquila del dottor Fabrizio Magani. Ogni fase di avanzamento del lavoro di restauro è stata seguita dalla dottoressa Biancamaria Colasacco della Soprintendenza B.S.A.E. d’Abruzzo dell’Aquila, diretta dalla Soprintendente dottoressa Lucia Arbace».