IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Brasile, «Ecco perché non andrò ai Mondiali»

di Gioia Chiostri

Si chiama Carla Dauden, è una filmaker di 23 anni e ha deciso di mettere in gioco sé stessa registrando un video di protesta e postandolo su Youtube. Contenuto del filmato? Il no ai milioni di dollari che il Brasile dovrebbe spendere per l’organizzazione di due mega eventi sportivi decisi per il 2014 e il 2016, ossia Mondiali e Olimpiadi.

Il video, sei minuti e 10 secondi, è colmo di spiegazioni, idee precise e dettagliate, delle risorse che il Paese impiegherà per ‘creare’ i suoi Mondiali, «sacrificando», secondo Carla, investimenti in altri settori, come la sanità o l’istruzione.

«La Coppa del Mondo costerà al Brasile circa 30 miliardi di dollari. Ora dimmi: in un Paese dove l’analfabetismo colpisce in media il 10% della popolazione (con picchi del 21%) e dove 13 milioni di persone soffrono la fame e molte altre muoiono aspettando di essere cura, ha bisogno di altri stadi?». Carla cerca, nel suo breve filmato, di raccontare la «vita reale» del Paese tra [i]favelas[/i], lotte per i diritti, polizia in tenuta anti sommossa e annunci trionfalistici del governo dell’ex guerrigliera diventata presidente Dilma Rousseff.

Una denuncia che si conclude con l’invito a chi l’ascolterà a informarsi e a cercare di capire che Brasile andremo ad applaudire ai Mondiali. Un appello che ha ‘catturato’ oltre 2 milioni di persone in soli tre giorni dalla pubblicazione su Youtube del video – protesta. Un filmato che denuncia uno [i]status quo[/i] che deve essere cambiato; un messaggio che arriva proprio da una rappresentante delle nuove generazioni, le più vessate, adesso come adesso.

Eppure, nonostante il dietrofront di Rio de Janeiro e San Paolo sull’aumento del costo dei trasporti – una delle ragioni che ha portato i brasiliani in piazza – ci sono state nuove manifestazioni e altre sono attese. Dopo i cortei di solidarietà a Berlino, Dublino, Montreal e Londra, si annunciano mobilitazioni e sit-in in altre città di Europa, America Latina e America del Nord. La vicinanza ai dimostranti brasiliani è arrivata anche da alcune celebrità internazionali, tra cui le cantanti Lady Gaga e Patti Smith.

X