IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio: festeggiamo insieme

di Claudia Giannone

Ancora si troveranno nei loro letti i numerosi ultras che hanno proseguito i festeggiamenti fino a tardi. Perché la festa di ieri sera, per loro, per la squadra e per tutti coloro che hanno voluto trascorrere nel nostro bel centro una serata estiva, è stata l’occasione migliore per poter festeggiare questa promozione che da troppo tempo non arrivava.

{{*ExtraImg_144840_ArtImgCenter_500x375_}}

{{*ExtraImg_144841_ArtImgCenter_500x375_}}

Così, con la festa iniziata intorno alle ore 20.30 in piazza, i tifosi hanno deciso di farsi aspettare: e si sa, senza di loro non ci sarebbe la vera festa.

Il lungo corteo di ultras è partito dal Bar Royal, con bandiere, fumogeni e con tanto di tamburo; i cori? Un nuovo coro, creato giusto domenica notte dai tifosi, freschi di promozione, è stato il preferito della serata: «Con te trascorro la mia vita, io non vivo senza te, con te che sei la mia passione, ti amo L’Aquila bella mè!».

Intorno alle ore 22, i supporters sono giunti in Piazza Duomo, e finalmente è iniziata la festa. Cibo e bevande, oltre a grandi emozioni sul palco: dopo il video di questa stagione positiva per i rossoblù, è stato il momento dei grandi protagonisti.

{{*ExtraImg_144842_ArtImgCenter_500x375_}}

{{*ExtraImg_144843_ArtImgCenter_500x375_}}

Presidente, mister, società, anche il sindaco della città: tutti sono stati chiamati a parlare e ad esprimere la propria gratitudine nei confronti dei tifosi che hanno sempre supportato il loro team.

Con gli ultras sul palco insieme ai giocatori, la festa è terminata, tra musica, cori e risate.

{{*ExtraImg_144844_ArtImgCenter_500x375_}}

{{*ExtraImg_144845_ArtImgCenter_500x375_}}

Ma per loro, i festeggiamenti non sono di certo finiti qui. Per tutta la notte, la voce dei tifosi ha riempito i vicoli del centro aquilano, facendo tornare la vita tra quei palazzi per troppo tempo abbandonati.