IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Rugby Club: un anno neroverde

di Alessia Lombardo

Prima candelina spenta tra il calore di tifosi, soci e vecchie glorie aquilane per il Rugby Club Vecchio Cuore Neroverde. Nella “stanza della storia”, a Centi Colella, il presidente Luigi Cerroni, assieme al vice presidente Mario Santavicca, ha inaugurato il Museo del rugby sottolineando il motto del club “presente, passato e futuro”.

{{*ExtraImg_144289_ArtImgRight_300x400_}}Nel lungo pomeriggio ovale il club – che al primo anno di vita ha raggiunto 250 associati – ha donato dei riconoscimenti a personaggi “dalla marcia in più” che hanno scritto la storia del primo scudetto.

Consegnata una targa a Sergio Del Grande, allenatore e giocatore del primo scudetto neroverde, che ha donato a sua volta al club una storica locandina. Nicola Bellicoso, tifoso-proprietario della prima squadra, ha ricevuto dalle mani di Angelo Cora una targa. Premiato anche l’assente Vincenzo Camerini, presidente del primo scudetto, con il ritiro del premio effettuato da Paolo Mariani.

{{*ExtraImg_144290_ArtImgLeft_300x191_}}«Il rugby Club – ha spiegato il presidente Cerroni – si occupa di preservare la storia per le giovani generazioni. Quest’anno abbiamo organizzato trasferte (anche per il Sei Nazioni) e conviviali». «Altro obiettivo – ha continuato – è donare alle società sportive defibrillatori. L’anno passato l’abbiamo donato alla Polisportiva L’Aquila Rugby e ora è la volta della Gran Sasso (fresca di promozione in serie A ndc)». Defibrillatore ritirato, da parte della seconda società ovale aquilana, dalla presidente Loredana Micheli, dopo il discorso di Ugo Mandolini.

{{*ExtraImg_144291_ArtImgRight_300x193_}}Canti, cori aneddoti dei vecchi giocatori hanno caratterizzato il gustoso terzo tempo, come rugby recita all’insegna dello stare insieme e dell’amicizia. Risate e ricordi degli “ambasciatori del rugby” con l’amara consapevolezza di un’aquilanità passata che si sta perdendo tra i giovani. Tra i commensali accolto dall’abbraccio degli amici anche un divertito Massimo Mascioletti.

{{*ExtraImg_144292_ArtImgCenter_500x322_}}

{{*ExtraImg_144293_ArtImgCenter_500x316_}}

{{*ExtraImg_144294_ArtImgCenter_500x323_}}

X