IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Abruzzo, 133 nuove aziende con ‘Fare Impresa 2’

Sono state pubblicate dall’assessorato al Lavoro le graduatorie dei soggetti aggiudicatari degli 8,3 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo 2012/13 assegnati al progetto “Fare Impresa 2”.

I soggetti beneficiari sono 133 di cui gli ultimi sette della graduatoria in ex equo, andranno al sorteggio. Per i nuovi imprenditori é previsto un percorso di 60 ore di formazione intensiva in tema di gestione aziendale e comunicazione efficace d’impresa.

L’assessore al regionale al Lavoro, Paolo Gatti, ha parlato di «venti milioni di euro per dare linfa alla voglia di intrapresa dell’Abruzzo». «Fare Impresa – ha spiegato l’assessore – è risultata un’iniziativa di successo che nelle due edizioni ha consentito la nascita di 286 nuove imprese».

«In questa seconda edizione – ha precisato Gatti – abbiamo innalzato fino al 75 per cento il contributo a fondo perduto (il precedente progetto prevedeva il 50 per cento) pari a un massimale di 80 mila euro per la nascita di nuove attività e abbiamo semplificato la procedura amministrativa per l’ammissione al finanziamento, in modo da rendere il progetto più snello. Infine abbiamo deciso di accompagnare gli aggiudicatari con della formazione ex post che garantiamo ai neo imprenditori, per acquisire strumenti operativi indispensabili per affrontare al meglio questa sfida».

«Ancora una volta – commenta Gatti – tanti abruzzesi, nonostante questo momento così difficile, hanno dimostrato il loro coraggio e la loro tenacia: quando le istituzioni creano opportunità concrete essi accettano di intraprendere la sfida del mercato, forti delle proprie competenze e delle proprie idee. Interpreto la grandissima partecipazione di potenziali nuove imprese, il quadruplo rispetto alla prima edizione, come il segnale che anche il messaggio culturale che abbiamo lanciato alla società abruzzese è stato colto. Di fronte alla crisi non si può stare fermi in attesa di vecchie ricette assistenzialiste, ma bisogna competere e intraprendere».

X