Quantcast

Stalking alla ex, divieto per l’uomo di uscire la notte

Perseguitava la sua ex moglie con centinaia di messaggi e telefonate, ma soprattutto utilizzando il vecchio metodo delle lettere scritte a macchina. Per questo motivo la squadra volante del commissariato di Avezzano ha eseguito di 62 anni. È stato disposto nei suoi confronti l'obbligo di dimora nel Comune di Luco dei Marsi e quello di non lasciare la propria abitazione dalle 22 alle 7.

Gli agenti, agli ordini del vicequestore aggiunto, Marco Nicolai, sono riusciti a dimostrare che l'uomo aveva molestato la ex moglie fino ad arrivare a inviargli oltre 50 lettere, più di 250 messaggi e telefonate, tanto da costringerla a cambiare numero di telefono e a trasferirsi in un’altra abitazione. La misura restrittiva è stata emessa dal gip del tribunale di Avezzano, Maria Proia, su richiesta del procuratore facente funzioni della Repubblica di Avezzano, Maurizio Maria Cerrato.

L'intervento della polizia è scattato dopo numerose denunce e querele presentate dalla donna contro l’ex coniuge. Le persecuzioni del marito avevano comportato nella vittima una persistente condizione di ansia e di paura, arrivando a compromettere, secondo l'accusa, l'integrità fisica della ex compagna di vita, tali da costringerla a cambiare quasi tutte le proprie abitudini. Le indagini della squadra anticrimine, guidata dall'ispettore superiore Gaetano Del Treste, ha portato all'acquisizione di numerose prove, oltre alla testimonianza di alcune persone e al sequestro delle lettere, inviate anche ai parenti della vittima.

Fonte: Il Centro, articolo di Pietro Guida