IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Gli aquilani dentro la ricostruzione

«Le imprese chiedono che L’Aquila abbia un luogo organizzato e stabilmente dedicato ai grandi eventi, che sia funzionale ad accogliere molta utenza durante tutto l’anno – riferisce Roberto Di Vincenzo, Presidente Carsa Srl, a conclusione del Salone della Ricostruzione».

«Tanta è la voglia di esserci da parte degli operatori locali che per l’edizione 2014 organizzeremo il B2B tra i Consorzi di impresa e i produttori che qui potranno incontrarsi e stringere affari in maniera strutturata anziché casuale».

«In questi 4 giorni abbiamo ascoltato molti imprenditori, rappresentanti delle Istituzioni e del mondo economico e abbiamo maturato l’idea che le istanze sono chiare e che investono quattro grandi temi:

– Sviluppare un’economia degli eventi: dobbiamo rimettere in moto commercio e servizi, che dal 6 aprile sono stati decapitati del 60%? ebbene possiamo farlo subito solo se mettiamo mano a un’organizzazione e accoglienza stabili di grandi eventi: ciò significa innanzitutto individuare e destinare in modo stabile un’area precisa e poi creare un calendario di eventi a mezzo di una programmazione stabile, che copra tutto l’anno. L’indotto delle fiere è notevole, come hanno dimostrato i due Saloni dei prodotti tipici e della ricostruzione, e se il terziario del commercio e dei servizi connessi potesse contarci stabilmente si riattiverebbe un tessuto che è rimasto senza presente per un motivo soltanto: perché gli operatori non hanno i locali dove lavorare né l’utenza da servire.

– fare più spazio alle imprese aquilane nella ricostruzione: ho sentito molte piccole imprese lamentarsi del fatto che non hanno lavoro: come è possibile che accada questo nell’unico cantiere che non conosce crisi? Si tratta di piccolissime imprese che potrebbero lavorare in subappalto e di artigiani che hanno una competenza storica nei settori più disparati, dal ferro al legno alla pietra eccetera.

– creare e rigenerare le maestranze locali: artigiani, liberi professionisti, microimprenditori hanno un forte senso di appartenenza locale che si è tradotto in un peculiare modello di relazioni sociali e produttive. Il loro patrimonio di conoscenza è secolare: ora va immesso nel circolo della ricostruzione e ne va garantito il trasferimento alle nuove generazioni con il sistema della staffetta anziani/giovani.

– attivare il polo della costruzione: favorire i processi di specializzazione e qualificazione nonché la formazione di quelle nuove figure tecnico-professionali che ormai sono la risposta ad una domanda di nuove competenze: per esempio, abbiamo i “quantity surveyor”, cioè persone preparate su come ridurre in maniera scientifica i costi dei progetti? Su questo noi stiamo predisponendo uno studio previsionale con il quale potremmo fare proiezioni attendibile

– riflettere sulle filiere in fieri: è emerso dagli imprenditori di una filiera energia – legno nata intorno agli impianti a biomasse legnose e pompe di calore a pellet e cippato. L’Aquila è ricca di materiale legnoso e molte aziende lavorano sulla raccolta e lavorazione legno, su vendita e installazione delle stufe e caldaie, ed immaginano una sorta di filiera corta che il verde aquilano potrebbe favorire.

Insomma, appare con tutta evidenza che di idee e voglia di fare ce ne siano molte e con tutte le carte in regola per lavorare da qui ai prossimi trent’anni. Si tratta ora di mettere da parte i battibecchi e di remare tutti nella stessa direzione, cancellando quell’immagine non positiva che L’Aquila sta trasmettendo all’esterno e che tiene tutti distanti, cittadini compresi”».

X