IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Nel grembo materno bebè impara a fare le ‘faccine’

E’ nel grembo materno che il bebè impara a fare le “faccine”: sorrisi, smorfie, movimenti di sopracciglia, naso che si arriccia. E’ come se il feto si stesse allenando per farsi capire da mamma e papà una volta fatta la sua apparizione nel mondo.

Lo rivela uno studio condotto da Nadja Reissland della [i]Durham University[/i] con l’ecografia in 4D che permette di scattare le prime istantanee del faccino del futuro bebè.

Secondo quanto riferito da Bbc online l’esperta ha esaminato in tutto 15 feti (maschi e femmine) e visto che tutti sono in grado di fare le “faccine”, con espressioni sempre più complesse man mano che avanzano nello sviluppo. «Non è chiaro – spiega l’esperta – se le espressioni facciali del feto corrispondano a una reale sensazione fisica, insomma resta difficile dire se la “faccia da pianto” indichi che il feto sente dolore. Ma è più plausibile che il piccolo stia “facendo le prove” per nascere capace di far riconoscere i propri bisogni ai genitori quando sarà al mondo».

La complessità delle espressioni è associata infatti al grado di sviluppo cerebrale del feto. Lo studio delle “faccine” potrebbe dunque essere utile per rilevare precocemente problemi di sviluppo.

X