IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’aeroporto dei Parchi intitolato a Giuliana Tamburro

Con delibera numero 8 del 6 giugno 2013, l’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha approvato la proposta della Giunta Comunale dell’Aquila, di intitolazione dell’Aeroporto dei parchi all’ingegnere Giuliana Tamburro, scomparsa la notte del 6 Aprile 2009 con figlioletto Stefano Antonini, di nove anni.

«Giuliana – ricorda l’assessore Emanuela Iorio – aquilana amata e stimatissima, laureata in ingegneria elettronica, era coordinatrice del settore Ricerca tecnologie e programmi dell’Enac e negli ultimi tempi aveva seguito, in particolare, l’elaborazione e l’applicazione del Regolamento Comunitario per i diritti dei passeggeri disabili e a ridotta mobilità nel trasporto aereo. Conosciuta e stimata a livello nazionale ed internazionale, per l’elevata professionalità, per l’impegno e per la competenza con cui ha sempre svolto il proprio lavoro, Giuliana era apprezzata per la sensibilità e le doti umane. Il suo ricordo è ancora vivo e presente nella comunità aquilana».

Nel corso degli ultimi anni Tamburro si era occupata all’interno dell’Enac, prevalentemente della certificazione di nuovi modelli di aeromobili, in particolare degli Uav ([i]Unmanned Aerial Vehicle[/i] – velivoli senza pilota) diventando uno dei maggiori esperti nazionali ed internazionali; nel 2002 era diventata Vice Chairman del JAA/Eurocontrol UAV Task Force; dal 2007 faceva parte dell’ICAO UAS (Unmanned Aerial Systems) Study Group. Nel marzo 2008, a Colonia, aveva presentato all’EASA lo stato delle attività dell’ENAC nel settore UAV;

Grazie al prezioso apporto di Giuliana Tamburro, negli anni di attività prestati all’Enac l’industria aeronautica italiana si colloca in posizione di leadership nel settore Uav.

L’intitolazione dell’aeroporto ha decorrenza immediata.

«Un gesto di profonda stima – ha concluso l’assessore – dovuto ad una donna speciale che ricorderemo per sempre».

X