IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Ricostruzione, il rebus resta irrisolto

di Antonella Calcagni

Per assicurare almeno la partenza del 43% dei lavori dell’asse centrale (primo Sal) servirebbero 300 milioni di euro nell’anno in corso che andrebbero ad aggiungersi ai 550 milioni in cassa della delibera Cipe di dicembre. Vista l’aria che tira, il sindaco Massimo Cialente si è visto costretto a ridimensionare le richieste. «La somma di 1,2 miliardi di euro assicurata dall’emendamento per tutto i cratere, ma disponibile solo dal 2014, in rate da 200 milioni di euro, erogata in questo modo è inservibile – spiega – Per rispettare il cronoprogramma c’è bisogno invece di 830 milioni di euro (solo per L’aquila) per l’anno in corso. Tuttavia per l’avvio dei cantieri e garantire almeno il primo Sal del 43% previsto dalla convenzione Abi-Comune occorre un’anticipazione di cassa di 300 milioni di euro adesso».

Il tavolo tecnico-politico presieduto dal sottosegretario Giovanni Legnini e di cui fa parte anche la senatrice Stefania Pezzopane sta lottando dunque per ottenere una anticipazione di cassa, sfumata la possibilità di liberare la somma per intero. Paradossalmente se non potrà essere individuato alcun meccanismo di anticipazione del miliardo e 200 milioni euro, i 300 milioni necessari dovranno essere reperiti in un altro modo.

Finora il rebus è ancora irrisolto. Il sindaco Cialente chiede alla città di fare corpo unico perché per il centro storico è una questione di vita o di morte. «Ho la sensazione che chi è rientrato a casa è un po’ indifferente a queste vicende – spiega – Inspiegabilmente anche i piccoli comuni stanno zitti».

«Chiedevamo molto – commenta la senatrice Stefania Pezzopane – ora dobbiamo lavorare su quello che c’è: ossia una tassa di scopo con una pluriennalità. Bisogna lottare inoltre per avere la cassa del 2013». A questo proposito è in cantiere un ordine del giorno della Pezzopane teso a riavere le somme di circa 98 milioni di euro (gettito dell’aumento dei bolli per il 2013) in principio destinate dell’emendamento all’Aquila e poi tornate al Tesoro.

X