IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Un milione di euro per promuovere il vino abruzzese

La giunta regionale ha approvato l’avviso pubblico relativo alla [i]Misura 1.3.3[/i] del Programma di Sviluppo Rurale (Attività di informazione e promozione), concernente le modalità e i criteri di presentazione delle domande di aiuto per azioni promozionali nel settore vitivinicolo per l’annualità 2013.

«Per questa Misura – spiega l’assessore regionale alle Politiche agricole, Mauro Febbo – sono disponibili fondi per complessivi 1.200.000 euro. La 1.3.3 del Psr “Attività di informazione e promozione”, ha lo scopo di promuovere con adeguate azioni i prodotti agricoli di qualità, al fine di diffonderne il consumo, di favorirne l’aumento del valore commerciale, accrescendone il valore aggiunto ed espandendone gli sbocchi di mercato.

Il lavoro realizzato in questi anni grazie proprio agli interventi sulla promozione ha dato ottimi frutti per le nostre aziende e l’economia abruzzese in generale. Attraverso la Misura infatti oltre alle fondamentali attività di informazione e promozione, le eccellenze abruzzesi hanno avuto la possibilità di mettersi in mostra nel corso dei grandi appuntamenti fieristici nazionali ed internazionali».

Gli obiettivi operativi della Misura sono: promuovere azioni di informazione nei confronti dei consumatori e degli operatori economici; informare i distributori sull’esistenza, il significato e i vantaggi dei sistemi di qualità applicati; informare i consumatori in termini di qualità, caratteristiche nutrizionali e metodi di produzione dei singoli prodotti; rendere consapevole il consumatore della positiva ricaduta ambientale delle produzioni ottenute con tecniche rispettose dell’ambiente e metodi biologici; favorire l’integrazione di filiera; incentivare iniziative di promozione sul mercato interno e comunitario.

Sono ammessi alla partecipazione le associazioni di produttori ivi compresi i Consorzi di Tutela e loro associazioni. Le produzioni ammesse devono appartenere al comparto vitivinicolo ed essere state ufficialmente riconosciute ai sensi della normativa vigente ossia secondo i sistemi di qualità riconosciuti a livello comunitario. Sono riconosciute finanziabili ed eleggibili al cofinanziamento comunitario del Feasr tutte le spese documentate ed effettivamente sostenute dal beneficiario a far data dalla presentazione della domanda di aiuto sul portale Sian. Sono ammissibili a contributo i progetti di informazione e di promozione dei vini di qualità a Dop, Igp e biologici ufficialmente riconosciuti, che favoriscono la conoscenza delle qualità da parte dei consumatori e degli operatori del settore, nonché la loro diffusione e commercializzazione.

Le azioni proposte devono riguardare l’attività di informazione, come le iniziative finalizzate ad accrescere il livello di conoscenza degli operatori, dei tecnici del settore e dei consumatori sui processi produttivi e sulle attuali tecniche agricole, nonché sulle proprietà qualitative, nutrizionali e organolettiche dei vini oggetto dell’intervento attraverso la realizzazione di specifiche azioni, la produzione e la diffusione di materiale informativo; azioni promozionali rivolte prevalentemente agli operatori del settore (buyers, ristoratori, stampa ed opinion leader) e non specificamente destinate ad indurre il consumatore all’acquisto di un determinato prodotto, finalizzate a sostenere le fasi di commercializzazione dei prodotti; azioni promo-pubblicitarie, rivolte prevalentemente ai consumatori, a condizione che non siano orientate in funzione di marchi commerciali, finalizzate ad accrescere l’immagine e la conoscenza dei prodotti.

X