IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Concorso Bacco e Minerva, premiata scuola abruzzese

Una splendida affermazione è stata quella dell’istituto tecnico agrario di Scerni al dodicesimo concorso enologico “Bacco e Minerva” al quale hanno partecipato le scuole agrarie di tutta Italia.

Il concorso, bandito dal Miur, si è svolto presso l’istituto tecnico agrario “Abele Damiani” di Marsala nei giorni scorsi. Una commissione di esperti ha giudicato i vini presentati dalle scuole e raggruppati nelle categorie vini rossi doc e igt, vini rosati doc e igt, vini bianchi doc e igt, vini liquorosi, distillati e spumanti.

La partecipazione al concorso anche delle più blasonate scuole enologiche d’Italia, rende la prestazione del “Ridolfi” senza precedenti per il primo premio ottenuto nella categoria dei vini rossi con il “Montepulciano” doc e nella categoria dei vini bianchi igt con il “Pecorino”. Due terzi premi hanno completato la performance, con il “Cerasuolo” doc e con l’Aglianico igt.

Questa mattina, a Pescara, l’assessore alle Politiche agricole Mauro Febbo ha voluto rendere omaggio all’istituto di Scerni e ai suoi ragazzi. «L’Agrario di Scerni – ha sottolineato – è, insieme a quello di Alanno, uno dei due istituti regionali di cui possiamo vantare professionalità e alta formazione per il futuro della nostra agricoltura. Il grande risultato ottenuto dai vini del “Ridolfi” dovrà costituire una grande e irrinunciabile occasione per proiettare all’attenzione nazionale la scuola, il settore vitivinicolo abruzzese e il suo territorio, attraverso l’incontro e lo scambio di esperienze».

Secondo la dirigente Silvana Marcucci, «l’exploit dei vini dell’istituto agrario di Scerni non è casuale, ma è il frutto di scelte felici e di un percorso virtuoso avviato nell’anno 1985, con la creazione della cantina annessa e il suo continuo miglioramento tecnologico, attraverso l’impianto di una vasta gamma varietale di vitigni, con lo sviluppo di adeguate tecniche colturali e di trasformazioni del prodotto. Le ragioni del successo ottenuto vanno però ricercate soprattutto, nella competenza professionale degli operatori della scuola che sono riusciti, con la loro dedizione, a realizzare un validissimo esempio di integrazione fra le attività didattiche proprie e le problematiche della realtà produttiva. Il continuo miglioramento del livello qualitativo delle produzioni è testimoniato anche dai risultati lusinghieri ottenuti dalle precedenti edizioni dello stesso concorso».

In base al regolamento, l’Itagr “C.Ridolfi”, in qualità di vincitore, avrà l’onore e l’onere di organizzare la prossima edizione del concorso che si terrà nel 2014.

di Maria Filieri

X