IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Casa di accoglienza San Gregorio, «Esempio di buona politica»

«E’ stato un gesto straordinario e nobile quello promosso dal Consiglio regionale della Campania per la comunità aquilana. In particolare, voglio ringraziare l’ex presidente dell’assemblea, Sandra Lonardo, che si è adoperata personalmente e con determinazione affinché potesse rinascere la Casa dell’accoglienza di San Gregorio distrutta dal sisma di quattro anni fa e dove perse la vita anche una suora». Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Nazario Pagano, nel suo intervento alla cerimonia di inaugurazione della Casa di accoglienza madre-bambino di San Gregorio.

All’evento ha partecipato anche l’ex presidente del Consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo, oggi consigliere regionale, che quattro anni fa ha avviato la raccolta dei fondi per la ricostruzione della centro di San Gregorio.

{{*ExtraImg_137181_ArtImgCenter_500x375_}}

«E’ bello vedere come la politica – osserva ancora il presidente Pagano – è riuscita a ottenere un risultato così importante per la comunità aquilana. La fondazione “L’Abruzzo Risorge”, costituita dal nostro Consiglio regionale, ha utilizzato fondi privati donati dai consiglieri regionali campani e pubblici per realizzare una struttura bellissima che tornerà ad accogliere i bambini più sfortunati».

«Penso che se anche altrove si fossero gestite le risorse pubbliche con questa efficienza e con questo spirito costruttivo – conclude Pagano – sono convinto che le cose all’Aquila sarebbero andate molto meglio».

«All’Aquila la fase dell’emergenza è stata gestita benissimo – ha detto Sandra Lonardo – se consideriamo che ancora oggi, in Irpinia, ci sono in alcuni casi le baracche. La classe politica locale deve senza indugio trovare l’accordo per affrontare la ricostruzione della città: è questo l’appello che mi sento di lanciare ai politici aquilani».

«L’Aquila – ha aggiunto – con le sue bellezze artistiche e culturali merita di tornare più bella di prima. Questo gesto, seppur piccolo perché si tratta solo di un milione di euro, ci ha consentito di donare una speranza ai bambini più sfortunati e ci ha permesso di ricostruire un luogo di aggregazione per i più piccoli. Il risultato è stato stupefacente».

X