IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Crisi, automobili battute dalle biciclette

Più di 1,6 milioni le biciclette vendute in Italia nel 2012, circa 1,4 milioni le auto: il sorpasso era già avvenuto lo scorso anno e il 2012, complice anche il perdurare della crisi economica, ha confermato la tendenza nonostante la battuta d’arresto subita dal mercato delle due ruote a pedali.

Nel 2012 si sono vendute infatti in Italia 1,75 milioni di biciclette in meno rispetto al 2011 (-8,2%) e la produzione è calata del 9,8%, vale a dire 2,19 milioni di bici in meno. In parallelo, sono aumentate però le esportazioni di parti di biciclette, generalmente pezzi di alta qualità per il mercato professionistico: il fatturato ha raggiunto i 463 milioni di euro, per una crescita del 15%.

L’import di parti di biciclette (per lo più pezzi di basso valore) ha totalizzato nel 2012 – secondo i dati forniti da Confindustria Ancma – 302 milioni di euro, registrando un incremento del 9% sul 2011.

Nel complesso la bilancia commerciale del settore è risultata in attivo per 161 milioni di euro (+4,5% rispetto all’anno precedente). Nel complesso delle vendite, city bike e biciclette tradizionali hanno rappresentato insieme il 42% del mercato, superando le mountain bike (30%); stabili le bici da bambino (18%) e i prodotti da corsa (7%).

In crescita la fetta occupata dalle biciclette a pedalata assistita (+9,5%), in espansione soprattutto nelle grandi città; di nicchia ma in crescita anche le bici pieghevoli, con circa 20 mila pezzi venduti ogni anno.

A livello geografico, si pedala di più nel Nord Est, dove sono state vendute oltre 532 mila biciclette tra gli 11,6 milioni di abitanti, anche grazie a una rete più estesa di piste ciclabili; più indietro il Nord Ovest, con 425 mila bici spalmate su oltre 16,1 milioni di abitanti. Tra il Sud Italia e le isole, zona che risulta apprezzare più di altre le due ruote a pedalata assistita, sono state vendute nel 2012 414 mila biciclette; ‘solo’ 234 mila, invece, al centro.

Le piste ciclabili sono una priorità secondo il 63% degli amanti della bicicletta. «Al nuovo governo chiediamo provvedimenti che vadano in questa direzione e che puntino a rendere l’Italia un Paese in linea con gli standard delle best practice europee», sottolinea Corrado Capelli, presidente di Confindustria Ancma. «Studi internazionali – aggiunge – dimostrano che un euro investito in ciclabilità ne restituisce 4 o 5 alla collettività intera».

«Oggi le due ruote a pedali costituiscono una nuova mobilità – commenta Pier Francesco Caliari, direttore generale di Confindustria Ancma – c’è molto da lavorare sulle infrastrutture, non solo quelle cittadine. ma soprattutto per lo sviluppo del cicloturismo, che genera ogni anno in Germania un fatturato di 9 miliardi di euro. Bicicletta e auto non sono in competizione, ma i dati rivelano che è in atto un fenomeno di costume».

X