IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Invalidità civile, piano contro arretrati

Pratiche per l’invalidità civile: la Asl riorganizza il Servizio, raddoppia le sedute delle commissioni mediche e, in 30 giorni, smaltisce due mesi di domande pregresse nel territorio della Marsica. Il servizio di Medicina Legale della Asl n. 1, diretto dalla dr.ssa Patrizia Masciovecchio, in seguito a un riassetto organizzativo, ha fatto scattare l’operazione ‘azzeramento arretrati’, per ridurre progressivamente, ma a ritmi serrati, i tempi di esame delle istanze e delle visite per il riconoscimento dell’ invalidità civile, fino all’eliminazione delle giacenze.

Con questa iniziativa che riguarda, oltre alla Marsica, Sulmona e Castel di Sangro, verranno vagliate e definite, nel giro di alcuni mesi, tutte le pratiche arretrate.

Nella Marsica il nuovo assetto operativo, scattato subito dopo la metà del marzo scorso, anche in virtù del forte impegno di tutto il personale ( medico e amministrativo), ha già dato risultati notevoli. Nel giro di poco più di 4 settimane, l’azione ‘correttiva’, avviata dall’Azienda tramite un più serrato lavoro delle commissioni mediche del Distretto sanitario di Avezzano (via Monte Velino), ha ridotto i tempi di attesa (cioè di convocazione e visita) da 12 a 10 mesi. Tabella di marcia ‘sprint’ che, probabilmente già entro l’estate, porterà allo smaltimento delle domande giacenti e non ancora esaminate. La prima, drastica riduzione dei tempi di attesa, ottenuta in poco più di 30 giorni, è stata raggiunta, peraltro, senza istituire commissioni aggiuntive rispetto alle 3 che già operavano ad Avezzano. Ciò che è nettamente migliorata è l’organizzazione del lavoro, molto più adeguata rispetto al passato anche in virtù dello sforzo di medici e personale amministrativo, chiamati a un lavoro supplementare.

La portata dell’iniziativa, tesa a invertire la rotta sui tempi, si deduce in modo eloquente dai numeri: dalla metà del marzo scorso, in cui è scattata l’operazione ‘azzeramento arretrati’, ad Avezzano (distretto sanitario) le sedute delle commissioni mediche, che esaminano le domande, sono aumentate di 9 a settimana, passando da 11 a 20. Non solo: per ‘aggredire’ con forza la giacenza di domande è stato notevolmente aumentato il numero degli utenti convocati a visita. Una doppia, forte accelerazione che permette di esaminare, a settimana, 200 utenti.

«Mantenendo questo passo sostenuto – dichiara la dr.ssa Masciovecchio, direttore di Medicina Legale – entro la prossima estate contiamo di eliminare le istanze, accumulatesi in passato ad Avezzano, e di azzerare quindi le attese. Peraltro, nell’ottica di questa operazione di smaltimento del ‘vecchio’, una o due commissioni mediche, che operano all’Aquila, potrebbero spostarsi, per un determinato periodo, ad Avezzano».

Il nuovo modello lavorativo è stato adottato, naturalmente, anche in altre aree dell’Azienda dove c’era necessità di mettere mano al pregresso.

«Buoni risultati, in termini di riduzione dei tempi – aggiunge la Masciovecchio – si registrano anche a Sulmona e a Castel di Sangro dove, così come ad Avezzano, è stato introdotto un nuovo, avanzato programma informatico, già in uso in altre aree dell’Azienda, che consente in particolare di sveltire operazioni amministrative come la stesura dei verbali della commissioni mediche».

Tra le novità, a beneficio degli utenti di Marsica, Valle Peligna e Alto Sangro, c’è inoltre l’attivazione di un sistema di ‘dialogo’ on line tra Inps (a cui viene presentata la domanda) e Asl che riduce molti passaggi per la definizione delle pratiche e quindi accorcia sensibilmente l’iter.

X