IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ciak per Alberico D’Alessandro

Alberico D’Alessandro, noto parrucchiere aquilano, per la seconda volta su un set cinematografico. Dopo aver pettinato, un paio di anni fa, nel lungometraggio di Marina Spada ‘Il mio domani’, l’attrice romana Claudia Gerini, D’Alessandro è ora sul set dell’ultima opera di Roberto Faenza, ‘Anita B.’.

{{*ExtraImg_131387_ArtImgCenter_399x500_}}

Il film, una multiproduzione tra Italia, Ungheria e Stati Uniti, è tratto dal romanzo di Edith BruckQuanta stella c’è nel cielo” (il titolo non è un errore ma il primo verso di una ballata amara del giovane Petofi, il grande poeta ungherese. Questi versi sono tra le poche cose che Anita porta con sé, insieme a molti ricordi laceranti, ndr) e racconta la storia di una sopravvissuta ai campi che non ha ancora compiuto sedici anni e che fugge da un orfanotrofio ungherese per andare a vivere a casa di una zia, Monika. La ragazza, per raggiungere la Cecoslovacchia, viaggerà con Eli, il giovane cognato di Monika. Già sul treno inizierà a insidiarla in un gioco cinico e crudele.

{{*ExtraImg_131388_ArtImgCenter_401x500_}}

Protagonisti della pellicola l’attrice di origine ungherese Andrea Osvart e l’attore italo-canadese Antonio Cupo.

{{*ExtraImg_131386_ArtImgCenter_500x326_}}

Le riprese, che vedono impegnato il talento aquilano, sono iniziate un paio di settimane fa a Bolzano e continueranno tra Merano e Praga fino a fine maggio.

Alberico D’Alessandro è stato introdotto nel mondo cinematografico dalla make up artist bolognese Francesca Tampieri che è stata insignita dell’Emmy Award (l’oscar della tv americana, ndr) sul palco del Nokia Center di Los Angeles nel 2012 per la mini serie western «Hatfield and McCoys». Insieme a lei, Kevin Costner, premiato come «best actor», e Tom Berenger, miglior attore non protagonista.

L’amicizia che lega i due professionisti del set ha dato il via alla carriera parallela dell’istrionico artista aquilano.

Francesca Tampieri si è guadagnata il prestigioso riconoscimento per aver regalato visi da gangster di fine Ottocento, per 14 settimane di riprese in Romania a oltre 75 attori, ingiallendo i denti di porcellana delle star d’Oltreoceano, creando ferite da armi da fuoco o incarnati messi alla prova da mali incurabili. «Ero già felicissima della nomination- svela lei di ritorno dagli States – con me concorrevano truccatori di megaproduzioni come quelli di “Downton Abbey” o di “American Horror Story”. Noi invece abbiamo lavorato in Romania in condizioni difficili rispetto a un normale set hollywoodiano, ma forse è stato il segreto.

Non c’era tempo per calchi o applicazioni troppo elaborate, così ho tirato fuori tutta l’artigianalità di questo lavoro. E siamo stati premiati proprio per il realismo ottenuto».

Un importante riconoscimento per Tampieri, nata sotto le torri 42 anni fa, che arriva dopo 25 passati a truccare star di mezzo globo da Madonna ad Anne Hathaway, da Sharon Stone a Lady Gaga, che le aveva perfino offerto di entrare nel suo staff.

*Le foto del set sono tratte dal profilo facebook di Alberico D’Alessandro

di Maria Filieri

X