IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Hommen contro Femen

di Gioia Chiostri

Le Femen, questa grande onda d’urto ucraina che ha praticamente sbalordito la società con i suoi messaggi carismatici e pieni di risentimento, dal 2008 dialoga con la coscienza collettiva attraverso slogan e manifestazioni non violente ma vitali.

Obiettivi primari: la lotta alla discriminazione, al mercato del sesso, al sessismo in generale. Da qualche tempo, però, non sono le sole a combattere a favore di uno scopo ben prefisso. Si parla anche della loro versione maschile, che, però, nulla ha a che vedere con gli ideali delle giovani ucraine.

Gli Hommen si armano a petto nudo, con scritte sparse sul tutto il corpo e coltivani, in poche parole un sentimento di odio verso gli omosessuali. Questa è la cruda realtà. È Der Blick a raccontare questo nuovo fenomeno sociale, che parla di uomini mossi da sentimenti opposti a quelli delle Femen. Sono a favore della privazione ai gay della possibilità di una vita normale.



Gli Hommen nascono in Francia, dove animano rivolte e proteste perché Hollande è a favore del riconoscimento del matrimonio fra omosessuali. Gli Hommen esprimono il dissenso con il volto coperto da una maschera bianca e con una lacrima disegnata. 

La loro pagina Facebook, ed è questo il dato più allarmante, ha ottenuto 3.312 ‘mi piace’. Il loro slogan è Non au marriage gay e cioè No al matrimonio gay.

Scendono in piazza con fumogeni e voglia di dissenso. Il gruppo utilizza il corpo per lanciare messaggi dissonanti: gridi, urla, violenza dipinta sulla pelle. In questo, di fatti, ricordano molto le amazzoni ucraine, le quali però, puntano a scuotere le coscienze per ben altri ideali, come l’incremento delle capacità culturali e morali delle donne loro connazionali.

Gli Hommen urlano slogan come “Il popolo dice no” o “proteggete i bambini”. Un triste esempio di emulazione.

X