IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Il gusto made in L’Aquila alle Olimpiadi del gelato artigianale

La dolcezza del torrone bianco di Sorelle Nurzia e la raffinatezza dello zafferano di Navelli si uniscono grazie alla maestria della gelateria Duomo e insieme volano alle finali delle Olimpiadi del gelato artigianale che si svolgeranno a Roma dal 3 al 5 maggio.

Si chiama “Sapori aquilani” il delizisoso gusto completamente made in L’Aquila selezionato tra i migliori 16 gelati che si contenderanno il primo posto del [i]Gelato world Tour[/i], evento organizzato da Carpigiani Gelato University e Sigep.

Il torrone bianco alle mandorle, dolce tipico della tradizione aquilana, insieme all’altro ingrediente “magico”, lo zafferano in fili dop di Navelli, sono stati scelti dal gelatiere Francesco Dioletta per dare vita a un prodotto fresco e gustoso che potrebbe davvero conquistare i palati della giuria e del pubblico di questa importante competizione.

{{*ExtraImg_131020_ArtImgLeft_300x300_}}

«Siamo molto orgogliosi che il nostro torrone sia stato scelto tra gli ingredienti principali dal gelatiere Dioletta – spiega Roberto Micco, responsabile commerciale di Sorelle Nurzia – Inoltre, è un onore poter partecipare da ‘co-protagonisti’ a un evento così importante, un’occasione in più per valorizzare e far conoscere i nostri prodotti, tutti rigorosamente artigianali».

Il gelatiere Dioletta spiega il perché della scelta di questi ingredienti: «Volevo utilizzare un prodotto artigianale locale, ed ho pensato subito al torrone aquilano per eccellenza, il bianco con mandorle pelate di Sorelle Nurzia, una vera delizia. L’ho abbinato a un’altra raffinatezza locale, lo zafferano in fili dop prodotto nel comprensorio di Navelli. Ne è uscito un gusto delicatissimo: a primo impatto si sente il delizioso sapore di torrone, poi il retrogusto delicato dello zafferano. Aver creato questo ‘Sapori aquilani’ ed essere in finale con questo gusto mi inorgoglisce davvero».

X