IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Paura in Umbria, terremoto di magnitudo 3.6

Scossa di magnitudo locale 3.6 questa mattina in Umbria, con epicentro in provincia di Perugia.

L’Istituto nazionale di vulcanologia e geofisica (Ingv) ha registrato il terremoto alle 9.57. Tra i comuni più vicini all’epicentro c’è Città di Castello, in provincia di Perugia.

L’ipocentro dell’evento sismico è stato localizzato a 6,7 chilometri di profondità. Il distretto sismico interessato è quello dell’Alta Val Tiberina.

Al momento non risultano danni a persone o cose. «Nessun danno o ferito è stato rilevato finora», ha confermato ai microfoni dell’Ansa il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta. «Precauzionalmente – ha precisato il Primo cittadino – abbiamo comunque fatto sgomberare tutte le scuole e attivato il piano di emergenza».

«La situazione è sotto controllo – ha aggiunto Bacchetta – E’ stato comunque subito attivato il piano di sicurezza e le verifiche sugli edifici sono ancora in corso anche se al momento non sono stati rilevati danni particolari».

«La scossa – ha spiegato il sindaco – è stata avvertita in particolare nel centro di Città di Castello. Ero nel mio ufficio in Comune e abbiamo sentito una gran botta».

REPLICHE – Altre due scosse – una alle 10.05 e l’altra alle 10.06, entrambe con magnitudo locale 2.5 – sono state avvertite dalla popolazione nel tifernate dopo la prima scossa di terremoto di magnitudo 3.6. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Città di Castello, Monte Santa Maria Tiberina e Monterchi.

Anche in questo caso dalle verifiche effettuate dalla ‘Sala Situazione Italia’ del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone o cose.

X