IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Spotted, gossip aquilano virtuale

di Giovanni Baiocchetti

Un nuovo modo di conoscersi, spettegolare ed “approcciare” si sta diffondendo sul web, soprattutto tra i giovani. Si tratta di Spotted, uno spazio virtuale che permette di pubblicare commenti anonimi su persone ‘avvistate’ in luoghi di incontro come scuole, università, piazze o addirittura intere città.

All’Aquila si contano già numerose pagine Spotted: la mania degli ‘avvistamenti’ ha contagiato l’ateneo aquilano, le scuole superiori, Piazzetta Regina Margherita, Colle Sapone e altre zone della città.

{{*ExtraImg_128286_ArtImgRight_300x400_}}Il fenomeno nasce in Inghilterra nel 2010, quando Rich Martell, un giovane studente della University College London, decise di creare un sito dove lui e i suoi amici potessero pubblicare commenti sulle ragazze avvistate in biblioteca. L’idea è piaciuta e in meno di due mesi oltre 250mila studenti si sono affiliati a questa piattaforma di “[i]microblogging anonimo localizzato[/i]”, come fu definita dal suo inventore. A causa della natura intrusiva dei commenti il sito fu costretto a scomparire, ma non questa moda, che poco tempo dopo è approdata su uno dei più famosi [i]social network[/i] al mondo: Facebook.

Per capire meglio di cosa si tratti citiamo la presentazione di una delle più seguite pagine Spotted della nostra città: “[i]Se hai “avvistato” qualcuno all’università (in biblioteca, a lezione e così via) ma non hai trovato il modo per approcciare, mandaci un messaggio e noi lo posteremo in maniera del tutto anonima.[/i]”

{{*ExtraImg_128287_ArtImgLeft_300x400_}}Un’altra pagina di ‘avvistamenti’, invece, reca la seguente didascalia: “[i]Spotted Regina Margherita è un modo simpatico di prendersi in giro tra giovani aquilani e non che si ritrovano a piazza Regina Margherita a fare di tutto. Ogni riferimento a cose e persone è puramente goliardico, non ve la prendete.[/i]”

I messaggi divulgati dagli utenti possono essere letti dal target diretto della comunicazione o da qualche suo amico in grado di fornire informazioni al “cacciatore” sull’identità della “preda”. Internet è il mezzo che, in una società più complessa e dinamica, svolge la funzione che una volta avevano gli amici e gli amici degli amici. A loro, in un passato non troppo lontano, spettava infatti il compito di seminare indizi per aiutare l’aspirante ‘cacciatore’ a scoprire l’identità dell’avvistata.

Piaccia o non piaccia, la città di sant’Agnese non poteva che essere un terreno fertile per un fenomeno come questo, che sta prendendo sempre più piede in Italia e in Europa.

X