IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Aspettava il papà al traguardo, ucciso a Boston

Più informazioni su

di Xavier Jacobelli

Martin Richard aveva 8 anni. Ieri, aspettava il suo papà sul traguardo della maratona di Boston. E’ stato dilaniato da una delle bombe che hanno seminato morte e terrore. Nell’attentato sono rimaste gravemente ferite la mamma e la sorellina di Martin.

Il sito blitzquotidiano.it racconta ciò che è accaduto, riportando la testimonianza dei Vigili del Fuoco: «Il bambino è corso ad abbracciare il padre al traguardo. Poi il papà ha continuato a camminare e il piccolo è tornato sul marciapiedi con la famiglia. In quel momento è esplosa la bomba che ha ucciso Martin e ha dilaniato la gamba di sua sorella. I tweet di dolore ricostruiscono la vita di Martin, che con la famiglia viveva in Carruth Street: ‘Era un mio vicino di casa’, scrive Katelyn. ‘Non lo conoscevo, ma so che frequentava la scuola di mio figlio, era un bravissimo bambino’, dice Makaylah. ‘Giocava per la Savin Hill’, dice Mike Hunt. Il padre, William, è citato come un influente membro della comunità locale. Vicini e amici si sono riuniti per una veglia, in serata, nel quartiere. ‘Sono amati da tutti, per il contributo che danno alla comunità – ha detto Avanna Pressley, city councilor -. Tutto questo è surreale, tragico, incomprensibile’».

Martin è l’unico bimbo tra le tre vittime del tragico attentato. Tanti i bimbi tra gli oltre 100 feriti nell’esplosione e ricoverati al Children’s Hospital di Boston: «Uno è un bambino di 2 anni con una ferita alla testa, ricoverato in terapia intensiva. Una ragazzina di 9 anni ha subito un trauma alla gamba che l’ha tenuta per ore in camera operatoria. In tutto 9 i bambini ricoverati: tra gli altri un adolescente di 14 anni; una ragazzina di 10, un’altra con un femore rotto, un bimbo di 7 anni con una ferita alla gamba».

Barack Obama ha promesso che, dovunque siano e chiunque siano, i responsabili di questo orrendo attentato verranno individuati e puniti. Speriamo. Speriamo tanto. Perchè nessun inferno potrà bastare per questi maledetti, bastardi assassini.

[url”Torna al Network Mister x per IlCapoluogo.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/blogger/Xavier%20Jacobelli[/url]

Più informazioni su

X