IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Sport

Pescara ricorda Morosini

Settore ospiti della curva sud dello stadio Adriatico di Pescara intitolato a Piermario Morosini, lo sfortunato giocatore del Livorno morto il 14 aprile dell’anno scorso proprio a Pescara, durante la gara di campionato fra i biancazzurri e i toscani.

Nel corso di una toccante cerimonia, il sindaco del capoluogo adriatico Luigi Albore Mascia ha scoperto una targa. Alla cerimonia erano presenti anche i presidenti della Provincia, Guerino Testa, del Pescara calcio, Daniele Sebastiani, del Coni Abruzzo, Enzo Imbastaro.

«Con questa intitolazione e toccante iniziativa – ha detto il sindaco di Pescara – non vogliamo dimenticare quella giornata drammatica che ha colpito Pescara e tutto il Paese. Volevamo che rimanesse una testimonianza di affetto per un ragazzo sfortunato che ci ha lasciati troppo presto».

«Come Pescara Calcio – ha aggiunto il presidente del Pescara Daniele Sebastiani – abbiamo subito aderito affinché quella giornata drammatica non possa essere dimenticata attraverso il ricordo di Piermario che resterà sempre nel cuore di noi pescaresi».

A un anno dalla morte di Morosini il presidente del Coni Giovanni Malagò ha sottolineato, a Napoli, la necessità di agire sulla prevenzione. «Il decreto Balduzzi – ha detto Malagò – ha migliorato la situazione e ha aperto un tema importante nei giorni in cui ricorre l’anniversario della scomparsa di Morosini. Stiamo aspettando i decreti attuativi per indicare chiaramente quelle che sono le regole di ingaggio per le società sportive e le loro responsabilità. Non dobbiamo passare, come spesso succede nel nostro Paese, dal non fare niente a fare qualcosa che diventa quasi impossibile. Ma soprattutto dobbiamo prevenire perché se andiamo sempre a rincorrere, e questo vale anche per il doping, si fa più fatica e non si trasmette la cultura necessaria alle giovani generazioni di sportivi italiani».

La morte di Morosini è servita a sensibilizzare il mondo dello sport sul tema della prevenzione: «Nel caso dei defibrillatori – ha sottolineato Malagò – è molto importante che laddove ci siano complicazioni ci possa essere l’opportunità di evitare situazioni molto tristi e sfortunate come quella di Morosini. Anche su questo aspettiamo gli elementi necessari a completare il decreto ministeriale».

X