IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Corsa campestre: Sulmona sul podio

di Claudia Giannone

E il podio oggi parla chiaro. A salire sul primo posto è Giulio Perpetuo, originario di Sulmona e con tanti sogni nel cassetto che, piano piano, stanno diventando realtà.

Proprio oggi, a Centi Colella, si è tenuta la finale dei Campionati Nazionali Studenteschi di Corsa Campestre, e il ragazzo si è presentato con la propria famiglia, accompagnato dalla professoressa Annelies Knoll e supportato dalla scuola.

Dopo estenuanti allenamenti, finalmente le soddisfazioni arrivano. Subito il ragazzo riesce a portarsi in testa, dando una speranza a tutti; nel secondo giro, però, un compagno lo supera. Perpetuo non si dà per vinto e capisce che questo è il suo momento. Con uno scatto e tanta resistenza, si riporta al primo posto e stacca il resto il gruppo, arrivando al traguardo per un primo con un tempo incredibile rispetto agli altri.

Raggiunto subito dalla famiglia, prende in mano il tricolore e si prepara per ricevere il premio più ambito. La medaglia d’oro è tutta per lui.

Disponibile al termine della manifestazione per foto e domande, il ragazzo appare molto emozionato, ma ovviamente soddisfatto della prestazione.

{{*ExtraImg_125495_ArtImgLeft_300x243_}}

Come ti senti dopo la corsa di oggi?

«Mi sento bene: non troppo stanco, perché mi aspettavo che fosse molto peggio. In confronto ad altre gare che ho fatto, mi sono stancato molto di meno. È stata abbastanza tranquilla oggi, per fortuna è andata bene».

Hai interpretato molto bene la gara di oggi.

{{*ExtraImg_125496_ArtImgRight_300x407_}}

«Sicuramente ho valutato bene, anche grazie alla mia allenatrice Annelies Knoll, che mi ha sempre seguito. Non ha mai rinunciato, mi ha seguito sotto la neve, sotto la pioggia, e con me ha lavorato tantissimo».

A chi dedichi questa vittoria?

«Dopo tutti gli anni di sacrifici che ho fatto, credo di meritare questa vittoria, e ringrazio soprattutto la mia allenatrice che mi segue da quando ho undici anni. E ovviamente la scuola per cui gareggio».

{{*ExtraImg_125497_ArtImgCenter_360x480_}}

{{*ExtraImg_125498_ArtImgCenter_500x387_}}

{{*ExtraImg_125499_ArtImgCenter_500x440_}}

X