IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

C’era una volta Roio Piano

di Fulgenzio Ciccozzi

Apprendo dal documento approvato dal Consiglio Comunale, relativo alla programmazione e ai criteri adottati per la ricostruzione dei centri storici, e pubblicato sul sito istituzionale del comune di L’Aquila il 28 marzo, che Roio Piano non è elencato tra i paesi che hanno la priorità (2013) nei lavori di risistemazione del borgo.

I criteri operativi adottati per la riedificazione delle frazioni si basano, per Roio Piano, sui seguenti dati: intensità macrosismica pari a 8; la natura dei fabbricati che hanno ricevuto un danno grave (D4) evidenzia una percentuale del 57,95% di edifici inagibili; la densità abitativa ci fornisce un coefficiente pari a 0.02997 al metro quadro.

Da quest’ultimo dato non si evince se l’area presa in considerazione tiene conto solo del centro storico o se, eventualmente, si estende sull’intero sito della frazione, piuttosto sparso, che ne diminuirebbe di fatto l’intensità insediativa pregiudicandone la condizione prioritaria. Inoltre, è necessario tenere conto anche delle famiglie che nell’abitato avevano la residenza principale: sia come proprietari che come affittuari. Tali considerazioni, probabilmente, ci restituirebbero dei numeri uguali se non superiori ad alcune altre realtà esaminate nel cronoprogramma.

Dagli elementi forniti a suo tempo dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (prot. 0056612 del 13/10/2009) risulta che, tra fine 2009 e marzo 2010, erano circa 70 i nuclei familiari di questo paese ai quali sarebbero stati assegnati parte dei Map dislocati nella zona. In virtù dei dati a disposizione, la frazione figura essere prima inclusa tra gli insediamenti che hanno priorità nella ricostruzione (2013), come riportato nello schema (pag.18) allegato allo stralcio degli interventi nei centri storici del circondario, e poi esclusa in base al cronoprogramma approvato dal Consiglio comunale (28 marzo).

Pertanto, sarebbe opportuno, soprattutto nei confronti degli ex residenti che vivono nelle abitazioni provvisorie, e per i quali si richiede la giusta attenzione, avere maggiori delucidazioni in merito a siffatte discordanze.

X