IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

L’addio di Ratzinger ai fedeli: la Chiesa è viva

Benedetto XVI ha salutato così la grande folla presente questa mattina in piazza San Pietro per la sua ultima udienza generale prima delle dimissioni: «Vi ringrazio di essere venuti così numerosi a questa ultima udienza generale del mio pontificato. Grazie di cuore, sono veramente commosso e vedo la Chiesa viva e penso che dobbiamo dire grazie al Creatore per il tempo bello che ci dona anche se è inverno!». Accanto al Papa, come sempre, il segretario, monsignor Georg Gaenswein. La vettura si è fermata anche qualche istante per permettere a Benedetto XVI di prendere in baccio un bambino.

«Ho sempre saputo che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, ma è sua, di Gesù che non la lascia affondare», ha continuato Benedetto XVI nella catechesi tenuta alla sua ultima Udienza Generale. «E’ Lui che la conduce, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perché così ha voluto». «Questa è stata ed è una certezza, che nulla può offuscare», ha confidato il Pontefice, che con l’immagine della barca di Pietro squassata dai venti aveva iniziato la sua missione nell’aprile 2005. «E’ per questo – ha aggiunto – che oggi il mio cuore è colmo di ringraziamento a Dio perché non ha fatto mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore».

Piazza San Pietro è gremita di fedeli. La zona è sorvegliata a vista da centinaia di uomini delle forze dell’ordine. Massiccia anche la presenza degli addetti della Protezione civile. Via della Conciliazione è stata completamente transennata ed è stato creato un corridio centrale per i mezzi di soccorso mentre maxischermi sono stati montati per i 200 mila pellegrini e fedeli che riempiono la grande arteria stradale che porta davanti a piazza San Pietro quindi davanti alla basilica.

“Santo Padre ti vogliamo bene, prega per noi”; “L’incredibile libertà di un uomo afferrato da Cristo”; “Tu sei Pietro e noi giovani ti amiamo”; “Per la pace un fiore…una terra…una storia…”. Sono alcuni degli striscioni presenti in piazza San Pietro, gremita dall’inizio della mattinata. Tantissimi gli applausi spontanei e i cori che ogni tanto si elevano, insieme al suono di tamburelli.

[url”Torna alla Home Eventi”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=205[/url]

X