IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Concorsone, la palla passa alle amministrazioni

di Marianna Gianforte

«Rivoltati come un calzino». Così dice il presidente del Formez Carlo Flamment, riferendosi ai 300 vincitori del concorsone per la ricostruzione dell’Aquila, giovani e bravi, perché hanno superato prove difficilissime e sottoposte a diverse commissioni. Sono un po’ come i suoi “figli” i vincitori del concorsone. E, infatti, ieri ha Flamment ha seguito tutte le operazioni di assegnazione dei posti in cui i giovani dovranno andare a lavorare: agli uffici per la ricostruzione, ai posti “ministeriali”, in Provincia, Regione, Comune. Ultimo atto di questo concorso che il Formez è chiamato a seguire. Da ora subentrano le amministrazioni.

Al fianco di Flamment c’è Alfonso Celotto, capo di gabinetto del ministro Fabrizio Barca, il grande “fautore” di questo concorso. Cosa significa questo concorso per l’Italia e per l’Abruzzo? Flamment, rilassato sulla poltrona della sala rossa dell’auditorium del parco del Castello, e Celotto, che intanto s’intrattiene il sindaco Massimo Cialente ancora choccato per le elezioni, lo spiegano al Capoluogo.

Flamment, cosa significa per lei questo concorso? «Questa esperienza è stata molto positiva, la porterò a esempio in altre realtà. Positiva per come i ragazzi si sono preparati e hanno saputo affrontare le prove, compresi i 1700 che sono risultati idonei. Diamo un messaggio positivo, e cioè che è possibile vincere un concorso con la forza della propria preparazione, e non contando su raccomandazioni. Hanno vinto giovani soprattutto del Meridione, il 60% dei vincitori sono state donne. Questo dimostra che se ci credono hanno la possibilità d’invertire una tendenza».

Cosa succederà adesso? «Adesso la palla passa a Comune, con la consegna delle graduatorie il Formez ha terminato il suo ruolo. Le amministrazioni dovranno assegnare i posti e mettere a punto i contratti. Certo, il fatto che i pluripremiati devono scegliere tra più destinazioni, può allungare il tempo dell’assunzione. Ora consegniamo alle amministrazioni gli elenchi dei vincitori e le sue opzioni, ma i 65 ragazzi che occupano 160 posti devono scegliere in modo univoco e veloce».

Per Celotto il concorso è stato una scelta strategica fatta dal ministro Fabrizio Barca. «Se non fosse stato completato, adesso forse la ricostruzione sarebbe stata a rischio».

Dottor Celotto, lo scenario politico che si delinea dopo le elezioni può mettere a rischio la ricostruzione dell’Aquila? Lo scenario politico è sicuramente confuso. Bisognerà capire come sarà la maggioranza. Ma bisogna dire che all’Aquila il ministro Barca è stato lungimirante. Questo governo ha il merito di aver creato una macchina ordinaria. La ricostruzione dell’Aquila la devono fare gli enti locali affiancati pro-tempore dagli uffici speciali finché servirà. Questo significa che il governo centrale deve dare supporto e coordinamento, ma ce n’è sempre meno bisogno. È chiaro che serviranno ulteriori fondi, ma non è segno preoccupante per la ricostruzione aquilana, perché è ormai avviata. Sono rimasto impressionato quando sono tornato all’Aquila. Io sono arrivato un anno fa, la città è cambiata. Due cose nuove vedo: le gru e un filo in più di ottimismo e speranze».

Possiamo, dunque, sperare che la ricostruzione anche con il cambio di governo non avrà intoppi? «Certamente sarà così. Il bicchiere è sempre mezzo pieno. Questo è il momento dell’ottimismo. In 6 mesi abbiamo messo a punto un concorso enorme che ha coinvolto 17mila persone. Rispetto a tante emergenze in Italia, L’Aquila è “meno emergenza”, perché ha delle strutture su cui contare. Ipotizziamo che il concorso non era concluso e la drammaticità del debito pubblico ci impediva di portare a termine il concorso. Oggi è chiuso, ormai la macchina c’è, gli uffici specialisti si stanno costituendo, il Comune, la Provincia, la Regione saranno rafforzati da questo personale. Ci vuole soltanto tempo e pazienza. Abbiamo visto che per le 4 grandi ricostruzioni d’Italia ci sono voluti 10 anni: in Belice, Irpinia, Friuli e Marche».

La rivedremo con il ministro Barca all’Aquila? «Certo, parteciperemo al corteo per l’anniversario del sisma la notte del 6 aprile».

X