IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Matite copiative sostituite anche a Chieti

Allarme matite copiative cancellabili anche a Chieti.

Si legge su Facebook, la grande piazza virtuale di questa nuova Italia dove è possibile tutto, e il contrario di tutto, che le matite utilizzate in un seggio sarebbero state cancellabili.

Come si evince dalle parole dell’elettrice chietina, le matite sarebbero state testate in sede di voto (come suggerito dai vertici del movimento, ndr) e sarebbero state riscontrate non conformi. La cosa risulta molto difficile da credere in quanto ogni seggio è dotato di due matite copiative, inviate dal Ministero nel corredo di ogni seggio, e qualunque presidente di seggio, anche quello al suo primo mandato, conosce la differenza sostanziale tra le comuni matite cancellabili e le matite conformi, usate per le operazioni di voto.

«Attenzione! – si legge nella nota su fb – Alla sez. n. 14 della Scuola Elementare Arniense fino alle ore 12,35 si è votato con matite cancellabili come ho personalmente potuto verificare con una comune gomma. – L’elettrice confessa di aver testato le matite come suggerito dal movimento –

Ho segnalato il problema al presidente di seggio, lasciando le schede nella cabina, e restituito la matita pretendendone la giusta sostituzione. Le matite indelebili erano effettivamente rimaste nel sacco che viene consegnato per l’allestimento del seggio».

«Dopo aver votato e inserito le mie schede nelle rispettive urne, ho chiesto e ottenuto il verbale di quanto accaduto. Presente un rappresentate di lista del Partito Democratico. Successivamente ho riferito l’episodio ad altri esponenti di partito di mia conoscenza», prosegue.

«Dunque fino alle 12,35 in quella sezione si è votato con la matita sbagliata. Scopro adesso da Fb che nella stessa scuola alla sezione n. 21 si è verificato lo stesso problema e che tutt’ora di sta votando con matite cancellabili perché nessuno ha pensato di far mettere a verbale”, conclude la donna.»

X