IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Elettori M5S fotografano voto, rischio carcere

Rischia il carcere per aver scattato una foto dentro alla cabina del seggio elettorale e averla postata su Facebook.

Le elezioni 2013 potrebbero diventare un brutto ricordo, per l’ingenuo elettore. E’ l’incubo di Amedeo Sollazzo e Roberto Buri, due attivisti del Movimento 5 stelle che hanno messo in scena una singolare iniziativa. I due “grillini” rischiano di pagare dazio per il “Grillo pride”, ossia l’eccessiva foga nel manifestare il consenso al cyber-movimento del comico genovese.
I due sono arrivati addirittura a scattare una foto dentro al seggio e postarla su Facebook. Non in una pagina qualunque. Ma quella del Movimento 5 stelle. Immediata l’ilarità, ma anche i consigli di toglierla.

La legge prevede infatti il segreto elettorale. E mostrare prove tangibili dell’avvenuta votazione è reato penale. Chi lo fa rischia dai 3 ai 6 mesi di reclusione. E fino a 1000 euro di multa. Forse anche per questo, la foto è stata on-line poco tempo. Ma tanto è bastato per attivare le polemiche.

Gli elettori in questione non sono gli unici in Italia. Se, infatti, sul sito di foto per smartphone e tablet Instagram si fa una ricerca con gli tag #M5S o #Movimento5Stelle spuntano altre diapositive simili.

VOTO DI SCAMBIO

L’istituzione del reato è chiara: quella di evitare il voto di scambio. Per questo motivo sulla pagina immediatamente si è levato il divieto di emulare il gesto dei due attivisti.

La legge elettorale parla chiaro: “E’ vietato introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini”. Venuti a conoscenza si è levato un post sul sito: “Importante: è vietato fare foto dentro alla cabina elettorale” è la scritta che ha fatto seguito alla pubblicazione della foto.

Per quanto poco tempo la foto sia comparsa, tramite lo screen-shot ricavato dallo schermo del pc è stato possibile far girare ulteriormente la foto. Troppa foga, poca informazione sulle regole oppure oppure eccesso di entusiasmo per le elezioni 2013, tra le leve del Movimento 5 stelle.

X