IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Parcheggio, Cialente: non faremo gli stessi errori

di Antonella Calcagni

Chi è davvero favorevole al progetto del parcheggio sotterraneo di Piazza Duomo? [url”Sel è riuscita a stanare il sindaco Massimo Cialente”]http://ilcapoluogo.globalist.it/Detail_News_Display?ID=51207&typeb=0&12-02-2013–Parcheggio-piazza-Duomo-Sel–Mostruoso-[/url]: «Se dovessi votare oggi, io non so come mi comporterei», ha detto in conferenza stampa.

E ancora: «Questo non è un mio progetto, chi dice questo sbaglia. È una proposta, un project financing di cui ho voluto informare tempestivamente la città. Forse il mio modo di fare ha dato fastidio a quei partiti o gruppi di dotti che pensano di avere l’esclusiva sulle strategie di partecipazione e trasparenza».

«È chiaro – continua Cialente – che io non procederei mai senza un parere preventivo della Soprintendenza. Non possono essere ripetuti gli errori della metropolitana di superficie. Devono dirmi perfino i colori dei sampietrini davanti all’ingresso del parcheggio».

Parole che a questo punto suonano come un de profundis per il progetto che comunque seguirà il complesso iter del project financing. Una vittoria politica per Sel che chiede semplicemente al sindaco di non scantonare rispetto a quanto scritto nel programma di mandato.

Un chiarimento, dunque, doveroso e necessario alla vigilia dell’importante appuntamento elettorale. Il dibattito cittadino sul parcheggio intanto continua: «Un’opera di tale importanza presuppone un percorso condiviso tra istituzioni e cittadinanza, aperto al confronto con le rappresentanze dell’economia e del lavoro, degli ordini professionali, delle espressioni della società civile», sostiene la candidata montiana Rosanna di Gioacchino.

«L’auspicio, quindi, è che il tutto si svolga nella massima trasparenza. Tutti gli atti relativi al progetto devono prevedere la pubblicazione sul sito del Comune. L’Aquila non può ritrovarsi di fronte ad una ulteriore “opera incompiuta”».

X