IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Italia, troppa dipendenza delle imprese dalle banche

«C’è troppa dipendenza delle imprese italiane dalle banche. Il livello di credito erogato nel passato è stato eccessivo: le imprese per il loro finanziamento dipendono per l’85% dal credito bancario, contro una media europea del 65% e il 30% degli Usa». A sottolinearlo è stato l’ad di UniCredit, Federico Ghizzoni, che insieme a Carlo Pesenti (a.d. Italcementi) e a Victor Massiah (a.d. Ubi Banca) ha partecipato alla tavola rotonda organizzata nell’ambito dell’Assiom-Forex a Bergamo.

«Le aziende – ha affermato Ghizzoni – devono diversificare le loro fonti di finanziamento e guardare ad esempio anche alla crescita inorganica, cioè a fusioni, acquisizioni e così via».

«Piccolo è bello – ha osservato Pesenti – non funziona più. Le aziende devono crescere e questo sono convinto si possa fare anche attraverso la rete. Occorre investire sull’innovazione di processo, di prodotto e soprattutto di servizi. Poi, c’è il tema del capitale. Le aziende – ha convenuto Pesenti con Ghizzoni – devono imparare a diversificare le proprie forme di approvvigionamento e raccolta attraverso [i]private equity[/i], [i]venture capital[/i] e altro».

X