IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

‘No al parcheggio seminterrato in piazza del Mercato’

«A distanza di quasi quattro anni dal terremoto del 6 aprile 2009, in un territorio il cui cuore pulsante del centro storico della città dell’Aquila è ancora, pressoché nella sua totalità, fermo, deserto e coperto in gran parte da erbacce, viene fuori la scellerata idea di realizzare, scavando nel sottosuolo della piazza del Mercato, un centro commerciale con annesso parcheggio». A metterlo in evidenza, attraverso una nota è la Cgil L’Aquila che di dichiara «fermamente contraria ad una ipotesi che già anni fa venne respinta unanimemente dalla città e che oggi, nel contesto in cui si trova la città capoluogo si presenta come un’idea totalmente inadeguata».

«In questi anni – spiegano il segretario provinciale Cgil L’Aquila Umberto Transatti e la responsabile ricostruzione Cgil Rita Innocenzi – L’Aquila ha subito le conseguenze del sisma e in aggiunta quelle delle speculazioni e della cosiddetta ‘urbanistica di emergenza’. Ora, in una fase che dovrebbe vedere tutti impegnati nel creare le condizioni per dare al capoluogo una prospettiva di sostenibilità, è inconcepibile pensare a soluzioni che, oltre ad essere in contraddizione con quanto sin qui valutato, persino dallo stesso Comune, condannano le future generazioni a socializzare, come purtroppo sta avvenendo oggi, all’interno dei centri commerciali».

«Sarebbe una vera e propria mostruosità – aggiungono – quella di vedere che mentre sul suolo si ergono edifici ed opere di interesse storico ed architettonico compromessi, puntellati e bisognosi di interventi di recupero, si spendano energie per realizzare una finzione di ritorno alla vita nel sottosuolo: quasi a chiedere ai cittadini dell’Aquila di porre la testa sotto la sabbia come fanno gli struzzi, con l’aggravante del perseguimento dell’interesse di qualche soggetto privato. La Cgil, come è scritto nella sua piattaforma presentata il 15 gennaio scorso, ritiene che è ora di misurarsi con un progetto organico di valore che faccia dell’Aquila una città universitaria, europea, sostenibile».

[url”Torna alla Home Attualità”]

http://ilcapoluogo.globalist.it/?

Loid=154&categoryId=202[/url]

X