IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Gelo e neve fino a domenica previsioni

Domani la perturbazione numero 3 di febbraio raggiungerà l’Italia, accompagnata da un po’ di piogge più che altro al Centrosud. Il passaggio di questa perturbazione aprirà la strada a correnti gelide di origine artica che nella seconda parte della settimana invaderanno il Mediterraneo Centrale, portando freddo intenso e molto vento su gran parte dell’Italia, mentre piogge e nevicate fino a quote molto basse rimarranno più che altro confinate al Centrosud.

A metà settimana inizierà dunque un periodo molto freddo per l’irruzione di aria gelida dapprima, nella giornata di domani, proveniente dalla Groenlandia, poi, nel weekend, un altro nucleo di aria ancora più gelida, proveniente dalla Scandinavia che porterà il gelo non solo in Italia ma in tutta Europa, in particolare in quella centrale dove vivremo giornate di ghiaccio, ovvero giornate caratterizzate da temperature che rimarranno sottozero anche durante il giorno.

In tutto questo periodo, oltre all’inevitabile calo termico, saranno possibili piogge localmente forti e nevicate a bassa quota soprattutto al Centrosud e in Emilia Romagna, mentre l’arco alpino farà da scudo protettivo a favore del resto del Nord dove, invece, il freddo sarà accompagnato dal bel tempo.

Prevalenza di bel tempo al Nordovest. Qualche pioggia e neve a quote collinari al Nordest, ma in rapido miglioramento già dal mattino. Nubi alternate a schiarite con qualche pioggia intermittente lungo l’Adriatico. Maltempo più deciso nei versanti tirrenici e sulle Isole dove avremo piogge e temporali localmente forti e nevicate sui monti oltre 700-1100 metri, ma in ulteriore abbassamento alla sera

. Da giovedì gelide correnti artiche torneranno ad affluire sulla Penisola, portando freddo intenso. Il prossimo fine settimana potrebbe essere tra i più rigidi degli ultimi mesi: le temperature minime torneranno a scendere di diversi gradi sotto lo zero provocando la formazione di forti gelate notturne e mattutine. L’apice del gelo verrà toccato fra venerdì e domenica.

X