Quantcast

Bilancio: De Santis scommette sul turismo

di Antonella Calcagni

Turismo? si fa sul serio. Forse. Consapevole della impossibilità di agire del settore che al momento esisterebbe solo sulla carta, l’assessore Lelio De Santis, con delega al turismo e una posta in bilancio di centomila euro, ha deciso di scommettere la metà delle sue “fiches” su un progetto di marketing turistico.

In una delibera approvata dalla giunta comunale il 28 dicembre scorso, si stabilisce di emanare un bando teso a reperire una società di marketing turistico il cui arduo compito sarà quello di produrre un progetto turistico per la città dell’Aquila e del suo territorio.

Al soggetto sarà riconosciuta una somma di 40 mila euro. Con questa cifra, insomma, la società che sarà investita dell’onere, dovrà essere capace di compiere il miracolo. Riuscire a trovare la parola magica, il Brand (etichetta) capace di far decollare il turismo. Roba da far venire il “coccolone” allo studioso dell’Ocse Calafati che con i suoi studi dimostrò qualche mese fa che quella sul turismo era invece una scommessa persa. Il Comune comunque qualcosa può fare e forse deve fare: cominciare intanto a realizzare schede progetto per accedere ai fondi regionali. L’Aquila ancora non ha sfornato nulla, mentre i comuni delle Rocche in questo settore hanno davvero molto da insegnare.

Intanto sempre l’assessore Lelio de Santis, insieme al capogruppo IdV, Giuliano Di Nicola, esprimono solidarietà a Giulio Petrilli che ha cominciato lo sciopero della fame e della sete a seguito del rigetto della sua istanza tendente ad ottenere un risarcimento del danno per ingiusta detenzione. «Anzitutto desideriamo esprimere umana solidarietà al Cittadino aquilano Giulio Petrilli, che è costretto a gesti estremi per vedere riconosciuto un suo diritto che questa giustizia gli nega».