IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Saturnino Gatti, i volti dell’anima

Venerdì 21 dicembre alle ore 12.00 all’Auditorium Carispaq, centro direzionale “Strinella 88” in via Pescara 4 a l’Aquila, si terrà la presentazione del libro dedicato al genio artistico di Saturnino Gatti, protagonista del Rinascimento e di luoghi straordinari d’Abruzzo.

A 550 anni dalla nascita del pittore, scultore, artista creativo dallo straordinario talento quale era Saturino Gatti, nasce un volume unico, un’opera che racconta la storia di un uomo «nato in mezzo alle cave di pietra e ai calanchi di quella straordinaria culla di civiltà che è l’area a nord dell’Aquila, accanto all’antica Amiternum d’origine sabina e poi prefettura romana. Saturnino Gatti non tradì mai la sua vera e più genuina indole di modellatore di forme, guadagnando altresì una solida reputazione come originale pittore, di tavole dipinte e d’affreschi smaglianti per le invenzioni e i colori». Così lo descrive Lucia Arbace, soprintendente Bsae Abruzzo nonché autore del libro. Questo volume di altissimo pregio editoriale si propone, innanzitutto, di rendere un contributo alla conoscenza attraverso le fotografie ad altissima risoluzione di Gino Di Paolo, indiscusso maestro in un campo che è fondamentale per un’adeguata valutazione del patrimonio artistico. Il libro, di 180 pagine su formato 28×28, è pubblicato dalla De Siena editore.

Non si tratta semplicemente di un testo pregevole, la cui eleganza è pari all’autorevolezza di Lucia Arbace, autrice insigne del testo e all’indiscussa arte di un maestro quale Gino Di Paolo, autore delle splendide immagini. E’ l’esito di un’avventura avvincente, cominciata con l’intento di ripercorrere quelle strade che secoli fa, ormai, furono di Saturnino Gatti, affascinante personalità dai contorni articolati. Pittore, scultore, abile artista dalle raffinatezze degne dei suoi illustri colleghi italiani protagonisti del Rinascimento. Figlio di un lungimirante uomo di San Vittorino (Aq) che di mestiere faceva il macellaio e che intelligentemente assecondò le talentuose inclinazioni del figlio, Saturnino ebbe modo di esprimere la propria arte a livelli altissimi, spesso sottaciuti.

L’Abruzzo, per troppo tempo considerato terra di confine, impenetrabile e lontana dallo svolgersi del tempo, ha a lungo celato le eccellenze che qui hanno trovato i natali, che qui hanno desunto ispirazione rendendo merito al loro genio. Questo lavoro è quindi un’occasione per ricordare e dimostrare ancora una volta il valore delle menti abruzzesi e ridare la giusta importanza a luoghi straordinari e ormai sconosciuti.

Interverranno:

Raffaele Marola, vice presidente Carispaq; Vittorio Iannucci, direttore generale Carispaq; Roberto Marotta, Presidente Fondazione Carispaq; Umberto Giammaria, sindaco di Tornimparte; Valter Chiappini, sindaco di Lucoli; Antonio Del Corvo, presidente Provincia dell’Aquila; Michele Maccherini, docente di Storia dell’arte medievale e moderna, Università dell’Aquila; Lucia Arbace autore, Soprintendente Bsae Abruzzo; Gino Di Paolo, fotografo. L’incontro sarà moderato da Antimo Amore, giornalista Rai.

[url”Torna alla Home Eventi”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=205[/url]

X