IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Arrivano gli indennizzi, Natale meno amaro

«Finalmente questa mattina sono stati trasferiti i fondi destinati alla ricostruzione delle case A, B, C, E a seguito del decreto 2319/2012 della presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento dello sviluppo economico». Ad annunciarlo sono il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e l’assessore al Bilancio Lelio De Santis.

Il decreto ripartisce per l’anno 2012 la somma complessiva di 244.879.663 euro, di cui 154.274.187,69 euro per il Comune di L’Aquila, pari al 63% ed 90.605.475,31 euro per gli altri 56 comuni del cratere, pari al 37% del totale, a seguito dell’accordo siglato il 22 novembre presso il ministero della Coesione territoriale.

Cialente e De Santis rendono noto che «il Comune dell’Aquila ha già predisposto tutti gli ordinativi di pagamento per gli indennizzi diretti riguardanti la ricostruzione delle case A, B, C, E; le pratiche di sostituzione edilizia; i buoni del contributo agevolato. Da oggi tutti gli ordinativi sono in pagamento».

«Ringraziamo il personale dell’ufficio ragioneria e dell’ufficio mandati per il notevole impegno e la massima disponibilità che hanno consentito di poter mettere in pagamento immediatamente oltre 1.000 mandati fermi da tempo, che consentiranno a tante ditte e a tanti cittadini di veder soddisfatte le loro legittime aspettative e di evitare conseguenze negative sul piano economico», aggiungono il sindaco e l’assessore, garantendo che «entro due ore trasferiremo i mandati alla Carispaq, tesoriere del Comune, sia per l’indennizzo diretto che per la sostituzione edilizia».

«Si tratta di più di 1000 mandati, che abbiamo pronti da tempo – spiegano – Abbiamo appena parlato con il direttore della banca Iannucci, che avvierà il pagamento tra oggi e domani. Non speravamo di farcela prima di Natale. Siamo contenti del risultato, strappato con i denti, ma resta l’amarezza per i ritardi che le imprese hanno sofferto in modo inaudito. Speriamo possano fare un Natale un pò più sereno, sia loro che i loro dipendenti».

[url”Torna alla Home Attualità”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=202[/url]

X