IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

“Question Time” itinerante, si riparte

Più informazioni su

Dal 18 dicembre partirà il percorso del “Question Time” organizzato dall’Assessorato alla Partecipazione, e che vedrà il Sindaco e gli Assessori della Giunta Comunale protagonisti di incontri con i cittadini, per relazionare sull’attività degli Assessorati nel loro complesso e rispondere alle domande dei cittadini.

Gli incontri si terranno in vari punti del territorio comunale, al fine di facilitare al massimo la partecipazione a tutti i cittadini.

Tutti gli incontri inizieranno alle ore 17,30.

Due gli incontri di Dicembre:

Martedi 18 dicembre l’Assessore Elisabetta Leone sarà a Bazzano nella sede della ex Scuola (temporaneamente sede del Comitato Promotore Adunata degli Alpini), sulla statale 17 nei pressi della rotonda per Paganica, per parlare dell’attività dell’Assessorato nel suo complesso. Sarà presente anche il Comandante della Polizia Municipale.

Mercoledi 19 dicembre, presso l’Auditorium del Parco del Castello Cinquecentesco, sarà il turno del Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente.

Il percorso del Question Time e la metodologia che sarà seguita nei vari incontri, è il frutto della collaborazione tra più soggetti – cittadini, associazioni, studenti – sotto il coordinamento della Prof. Lina Calandra, nel quadro del Protocollo d’intesa sottoscritto fra il Comune dell’Aquila e il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli studi dell’Aquila. Esso rappresenta il primo percorso pubblico promosso dall’Ufficio della Partecipazione del Comune dell’Aquila e fa seguito ai primi due incontri dell’Ufficio (16 ottobre e 21 novembre 2012) con cittadini e associazioni.

Il Question Time si propone l’obiettivo, anche in attuazione del Programma di Mandato (punto 1a e 1b), di favorire l’apertura delle istituzioni politiche al contributo attivo degli abitanti del territorio attraverso l’attivazione di processi di informazione-trasparenza-comunicazione.

Più in particolare, esso si propone di portare il “governo della città” (ossia la Giunta comunale) tra i cittadini a rendere conto e a rispondere sull’azione di governo dei mesi trascorsi dalle elezioni ad oggi; come primo percorso pubblico dell’Ufficio della Partecipazione, il Question Time si avvale della collaborazione volontaria e gratuita di cittadini e studenti universitari nella convinzione che la partecipazione debba basarsi innanzitutto sulla fiducia e sull’assunzione di responsabilità.

L’Ufficio della Partecipazione con questo primo percorso di “question time” intende quindi “praticare la democrazia partecipata come possibilità di proposta, verifica e controllo del potere politico ed economico nell’amministrazione della cosa pubblica” (cit. Programma di mandato), garantire ai cittadini e alle cittadine degli spazi di esercizio della partecipazione, di interlocuzione diretta con gli assessori. Spazi che, al di là degli incontri, rimarranno sempre “aperti” nel sito messo a disposizione www.laquilainmente.it.

Negli incontri gli assessori racconteranno l’attività svolta nei mesi precedenti, risponderanno alle domande pervenute sul sito o all’Ufficio della Partecipazione, e anche alle domande dei presenti in sala.

Negli incontri i cittadini potranno portare le loro proposte per il Governo della Città, proposte che saranno “tesoro comune” e che la Giunta si impegna a tenere presente e prendere in esame. Proposte che potranno vedere, se condivise dai territori, anche uno sbocco attuativo attraverso l’istituto del Bilancio Partecipativo.

Gli incontri saranno resi disponibili sul sito con videoregistrazioni, anche in streaming laddove sarà tecnicamente possibile.

Questo percorso di incontri sarà comunque un primo appuntamento, che la Giunta rinnoverà a cadenza periodica.

“L’apertura sistematica delle istituzioni politiche al contributo attivo degli abitanti del territorio, è ormai un passaggio obbligato per le nostre democrazie, per dare vita a nuovi modi di governo in grado di colmare la distanza tra cittadini e istituzioni, di rinnovare il linguaggio della politica e il funzionamento delle istituzioni. Tale apertura passa attraverso la partecipazione. Più che un punto del Programma, la partecipazione rappresenta un presupposto e la forma più alta della democrazia, e quindi una questione a monte del Programma stesso.” (cit. Programma di Mandato)

[url”Torna alla Home Politica”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=204[/url]

Più informazioni su

X