IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Progetto Case, arrivano le bollette da pagare

di Marianna Gianforte

Stanno per essere spedite le lettere per il pagamento delle bollette arretrate per i consumi effettuati dagli inquilini degli alloggi del progetto Case. A giorni il Comune invierà, infatti, un plico con la lettera che illustra la richiesta dell’acconto e la cifra relativa al periodo di occupazione. Si tratta di una somma totale che si aggira intorno ai 10 milioni di euro che i gestori esigono.

In una prima parte relativa ai periodi che vanno da aprile 2010-dicembre 2011 per l’acqua, e aprile 2010-giugno/settembre 2012 per gas ed energia elettrica il Comune richiede degli acconti, calcolati in proporzione ai giorni di occupazione dell’alloggio utilizzato e alla sua superficie e “fissato” in una quota che consentirà di coprire i costi.

È risultata, così, una quota pari a 0,05369 euro al giorno per metro quadrato, che corrisponde a 1,61 euro al mese per metro quadrato. I consumi potranno essere pagati con rate mensili, che vanno da un massimo di 300 euro a una quota media di 185. L’acconto è diviso tra il recupero dell’arretrato per il periodo compreso tra aprile 2010 e novembre 2010, e il recupero per il periodo corrente fino all’aprile 2013. Da quel momento, poi, partiranno i conguagli.

La riscossione parte dopo il censimento effettuato dal Servizio elaborazione dati, al quale il Comune ha affidato il compito. Il Sed ha fornito i dati e i numeri sui nuclei residenti nei quartieri post-sisma. Sono 4.449 gli appartamenti delle new town da cui il Comune aspetta i pagamenti dei consumi.

«Non possiamo più farli aspettare, i gestori reclamano di essere pagati», ha spiegato l’assessore all’Assistenza alla Popolazione Fabio Pelini.

A partire da marzo-aprile 2013, poi, il Comune invierà i conguagli sui consumi effettivi. Pelini ha spiegato che «si tratta di una fase di start up, per cominciare, ma a partire da aprile si farà un conguaglio», assicurando che «gli importi dei consumi stabiliti con il criterio dell’acconto difficilmente sarà superiore ai consumi effettivi delle famiglie».

«Chiedo a tutti i cittadini un atto di responsabilità e civiltà», spiega l’assessore. «Chi sta negli alloggi del progetto Case finora non ha pagato alcuna bolletta», precisa, «se chi vive negli alloggi delle new town avesse optato per un’altra forma di assistenza, ad esempio gli affitti concordati, già avrebbe pagato e senza rateizzazioni. Tra marzo e aprile», ha ricordato l’assessore, «cominceranno ad arrivare i conguagli e saranno sicuramente a favore del Comune».

Anche l’assessore al Patrimonio e gestione del progetto Case Alfredo Moroni ha fatto un appello alla responsabilità dei cittadini. «Ci rendiamo conto che ci saranno malumori», ha detto, «ma ci sono 10 milioni di euro che i gestori pretendono per consumi di cui i residenti hanno goduto. Non possiamo permetterci il distacco dei contatori».

L’assessore Pelini ha anche ricordato che «è entrata in vigore l’ordinanza sindacale riguardante l’esposizione obbligatoria dei nomi sull’uscio degli alloggi del progetto Case. Non ci sono più scuse, per chi non espone i nominativi in modo leggibile riceverà multe dai 25 ai 500 euro». Il controllo dell’esposizione dei nomi è stato affidato alla polizia municipale, che verificherà tutti gli alloggi.

X