IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

EuroJuve, che impresa!

Più informazioni su

Post del lettore Pierluca Cardellicchio su Facebook per fotografare l’euforia dei tifosi bianconeri: “Devo chiederle una cosa, se mi consente. Statistiche alla mano, sa, per caso, se c’è una squadra che supera le 12 partite senza sconfitte in Europa? Ovviamente la squadra imbattuta da 12 partite in Europa( Europa League e Champions League) è la Juve”.

Vincendo a Donetsk, la Juve ha firmato una grande impresa, figlia del carattere, dell’orgoglio e del gioco che contraddistinguono la squadra allenata da Antonio Conte, in questa stagione ottimamente diretta prima da Carrera e poi da Alessio, aspettando che l’allenatore titolare torni al suo posto il 9 dicembre, dopo avere scontato una squalifica iniqua e ingiusta, comminata senza lo straccio di una prova.

La Juve ha vinto il girone a spese degli ucraini, così la prossima volta Lucescu impara a fare lo spiritoso e a dare lezioni di vita a Conte prima della partita, quando dovrebbe sapere che bisogna parlare sempre dopo. La Juve ha dato una lezione di serietà, prendendo a calci gli immancabili teorici del biscotto che nei giorni scorsi ci avevano ammorbato con i loro esercizi di dietrologia. La Juve ha dimostrato che, in Europa, il calcio italiano è vivo, nonostante tutti i problemi che l’assillano: crisi economica, impossibilità di ingaggiare grandi campioni stranieri perchè costano un’enormità, classe dirigente del Sistema che appartiene al mesozoico e non molla le poltrone, stadi obsoleti, fatiscenti e uno solo di proprietà: guarda caso, quello bianconero. La Juve ha fatto meglio del Milan, vincendo il proprio gruppo e collocandosi in una posizione favorevole nel sorteggio della fase successiva.

Ma il bilancio tricolore è confortante: Juve e Milan negli ottavi di finale di Champions; Inter, Lazio e Napoli nei sedicesimi di Champions League. Va bene, va molto bene così.

E’ vero che ci vorranno anni di brillanti risultati per risalire la china nel ranking Uefa, dove il nostro calcio è precipitato a causa delle figuracce rimediate soprattutto nel secondo torneo continentale, durante il quinquennio maledetto 2006-2011. Tuttavia, il colpo dei bianconeri che già avevano demolito i campioni d’Europa in carica, legittima le loro ambizioni ora che sono fra i sedici migliori club rimasti in lizza nella Coppa più importante. La quale, fra annessi e connessi, ai bianconeri frutta già circa 25 milioni di euro per il solo ingresso negli ottavi.

Ecco perchè Marotta sta facendo di tutto per prendere Didier Drogba. L’ultima proposta di bianconeri per il giocatore è un ingaggio oscillante attorno ai 6,5 milioni di euro con un contratto che scadrebbe il 30 giugno 2014. Il fuoriclasse ivoriano, a Shangai ne guadagna 12 di milioni di euro all’anno, ma se davvero vuole tornare in Europa per essere protagonista, questa è la sua ultima occasione. L’ostacolo più arduo è rappresentato dai contratti con alcuni sponsor che hanno reso possibiem il trasferimento in Cina dell’ex stella del Chelsea. Ed è su questo aspetto che Marotta sta lavorando sodo. Consapevole che, se prende Drogba, per la Juve in Champions nulla sarà impossibile.

Xavier Jacobelli

Direttore Editoriale www.calciomercato.com

Più informazioni su

X