Quantcast

Consiglio regionale part-time

di Alessia Lombardo

Martedì di polemiche a Palazzo dell’Emiciclo per lo scioglimento del Consiglio regionale, prima dell’ora di pranzo, per mancanza del numero legale con l’uscita dall’aula di alcuni consiglieri di maggioranza di centrodestra.

La giornata di lavori è iniziata con interrogazioni e interpellanze, alcune rinviate per la mancanza degli assessori Luigi De Fanis, Alfredo Castiglione e del presidente Gianni Chiodi, poi è stata approvata la risoluzione urgente a firma del consigliere del Pd Giuseppe Di Pancrazio sullo stabilimento Micron di Avezzano.

All’unanimità la risoluzione impegna il presidente Chiodi e la Giunta regionale a “sostenere presso il Governo centrale ogni possibile iniziativa nei confronti della Micron Technology, per risolvere la preoccupante situazione dello stabilimento di Avezzano”.

È stata respinta invece la risoluzione urgente del consigliere di Rifondazione comunista Maurizio Acerbo che chiedeva di chiudere l’iter di perimetrazione del Parco Nazionale della Costa Teatina entro il 31 dicembre prossimo. Prima di procede alla votazione c’è stato un vulcanico intervento del consigliere di opposizione con successiva risposta per nulla soft dell’assessore Maurizio Febbo.

Con relazione di Nicoletta Verì è stato approvato il progetto di legge (n. 398/2012) che riconosce a Treglio (Chieti) il titolo di “Paese dell’affresco”, assicurando un contributo economico alla manifestazione “Treglio Affrescata”.

Relazionate dalla Verì e approvate dal consiglio le modifiche alla legge regionale del 22 febbraio 2000, numero 15, per la promozione delle attività musicali in Abruzzo, che estendono l’applicabilità della norma anche alla danza e alle corali.

Il consiglio, dopo lo scioglimento per mancanza del numero legale, è convocato martedì 4 dicembre.

L’assessore Febbo ha comunicato che «a causa della mancanza del numero legale e di conseguenza dello scioglimento del Consiglio regionale, la risoluzione “Proroga e istituzione tavolo tecnico per la perimetrazione del Parco della Costa Teatina”, presentata dallo stesso assessore Febbo, verrà votata nella prossima seduta dell’assise regionale».