IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Case popolari: pubblicato nuovo bando

È stato pubblicato, sul sito del Comune dell’Aquila, il bando per l’assegnazione degli alloggi di edilizia pubblica residenziale.

Possono fare domanda i cittadini residenti anagraficamente o che svolgono prevalentemente la propria attività nel Comune dell’Aquila.

Gli interessati dovranno spedire l’apposito modulo, da ritirare presso la sede del Comune in via Rocco Carabba 6 o sul sito www.comune.laquila.it, a mezzo raccomandata al Comune dell’Aquila Settore Politiche Sociali, Assistenza alla Popolazione, Diritto allo studio, Cultura, Sport e Turismo, in via Rocco Carabba 6, entro e non oltre 60 giorni dalla data di pubblicazione del bando, ovvero entro il 20 dicembre 2012.

Per i lavoratori emigrati all’estero il termine ultimo per la spedizione della domanda è prorogato di 60 giorni, ovvero il 18 febbraio 2013 per i residenti nell’area europea e, di 90 giorni, ovvero il 20 marzo 2013 per i residenti nei paesi extra europei.

Il bando con i relativi requisiti di ammissione e le indicazioni sui documenti da allegare alla domanda è pubblicato sul sito internet www.comune.laquila.it, nella parte “avvisi” della sezione “concorsi, gare e avvisi” dell’area “Amministrazione”. Oltre che l’avviso, è stato inserito l’apposito modulo per la domanda.

«Sono moltissime le famiglie che dopo il sisma del 6 aprile del 2009 hanno visto cambiare e peggiorare la propria situazione economica. – ha dichiarato Stefania Pezzopane – Ora finalmente potranno richiedere questi alloggi e trovare una soluzione concreta. Esprimo però il mio enorme malessere per la circostanza che ci vede da una parte avviare le procedure di bando, dall’altra dover constatare il gravissimo ritardo con cui la Regione e l’Ater (Azienda territoriale per l’edilizia residenziale) stanno procedendo nella ricostruzione degli alloggi di edilizia popolare. Se i lavori fossero andati avanti come dovevano, sarebbero stati molti i cittadini a trovare una risposta. Così purtoppo non è stato ma la pubblicazione del bando ci consente di aprire alle nuove esigenze le graduatorie per l’accesso».

X