IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Centro storico: intesa per palazzi non vincolati

Intesa paesaggistica provvidenziale per risolvere i problemi economici della ricostruzione dei tanti palazzi non vincolati della parte medievale della città (area di tipo A del Prg). Grazie all’intesa sottoscritta fra Comune e Ufficio Regionale Beni Culturali, ai palazzi non vincolati della parte antica della città saranno assicurate risorse aggiuntive che in base al tipo di intervento e ad una tabella già pronta arriveranno a coprire anche il 100% dell’intervento di ristrutturazione. Un vero e proprio Bingo per il Comune dell’Aquila e per l’assessore Pietro Di Stefano che prudentemente ha già previsto le somme aggiuntive nel piano di ricostruzione. L’intesa è stata sottoscritta lunedì scorso.

«I palazzi non vincolati della parte medievale della città sono molti più di quanto non si creda – spiega l’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano – gli immobili vincolati rappresentano soltanto il 20% del tessuto storico, gli altri non hanno il vincolo. Ad esempio tutti i palazzi che si trovano nella parte destra di piazza Duomo sono senza vincolo e beneficiano al momento di 1.270 euro al metro quadrato. L’incremento è proporzionale alle diverse epoche di costruzione ed è riportato in una tabella in base anche al tipo di danno ricevuto». L’assessore Di Stefano non vuol sentire neanche sentir parlare di demolizione nel cuore della città neanche quando si parla di palazzi non vincolati. Ciò andrebbe a modificare il tessuto attuale e poi i proprietari non le vogliono.

L’intesa sul vincolo non comporterà un aggravio nelle procedure di esame dei progetti. Anzi grazie alle tabelle interattive tutto sarà più semplice. Lo stesso metodo sarà utilizzato anche per l’utilizzazione del sistema parametrico o a forfait che approderà a breve per velocizzare l’esame delle pratiche. Sempre a proposito di risorse aggiuntive l’assessore alla Ricostruzione ha spiegato che nel piano di ricostruzione ci sono 90 milioni di euro aggiuntivi per l’adeguamento antisismico relativo alle zone soggette al fattore di accelerazione sismica individuate attraverso la microzonazione.

A.Cal.

X