IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Marchio speciale per l’arrosticino abruzzese

La giunta regionale abruzzese ha approvato ieri un provvedimento volto alla valorizzazione e promozione di quello che può essere definito un prodotto simbolo, tra i più tipici e tradizionali, del panorama agroalimentare abruzzese: l’arrosticino. Ad annunciarlo è l’assessore regionale alle Politiche agricole, Mauro Febbo.

«Si tratta di un passaggio fondamentale e fortemente voluto – sottolinea Febbo – che ci permette di certificare un prodotto inimitabile, rappresentante d’eccellenza della nostra tradizione, che ci invidiano in tutto il mondo. In questo modo non solo riusciremo a dare un contributo reale alla promozione e alla valorizzazione, ma anche a rendere l’arrosticino abruzzese unico e al riparo da possibili e fuorvianti imitazioni. Voglio sottolineare come questo protocollo d’intesa costituisca un altro atto che si inserisce all’interno di una politica rivolta alla promozione dell’enogastronomia di qualità che rappresenta un elemento fondamentale per lo sviluppo futuro dell’Abruzzo».

E’ stato approvato infatti il protocollo d’intesa tra giunta regionale – direzione Agricoltura, l’associazione regionale allevatori (Ara) e l’accademia dell’arrosticino d’Abruzzo (ACARB) per l’istituzione e relativa registrazione del marchio “Buongusto – l’Arrosticino d’Abruzzo“.

Il disciplinare di produzione rappresenta un grande opportunità per la salvaguardia e tutela di delle produzioni ovine regionali e nel contempo offre un valido strumento di promozione e valorizzazione dell’arrosticino di qualità, inserendo tutta una serie di controlli ai fini della rintracciabilità dall’allevamento al consumatore. Dalle aziende di produzione degli ovini alle tecniche di allevamento, dal trasporto degli animali alla macellazione fino ad arrivare alla preparazione degli arrosticini e loro confezionamento, tutto dovrà seguire una serie di norme volte da un lato alla valorizzazione del patrimonio ovino regionale e dall’altro alla garanzia per il consumatore di mangiare un vero Arrosticino d’Abruzzo.

[url”Torna alla Home Attualità”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=202[/url]

X