IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Castel del Monte premia Letta

Più informazioni su

Uno dei premi più significativi, carico di interesse sociale, umano e politico è stato conferito dal Comune di Castel del Monte all’uomo politico più rappresentativo dell’Abruzzo. Gianni Letta, ex Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

Si tratta del premio “all’abruzzesità” istituito per premiare i valori dei nostri emigranti e l’attaccamento degli stessi alle radici di provenienza. Non si tratta di una vera e propria emigrazione, ha voluto sottolineare Luciano Mucciante, ma di una migrazione interna al nostro Paese, dove Gianni Letta ha saputo tenere alto l’interesse e l’apprezzamento per la Regione di provenienza.

È apparso superfluo per il Sindaco ripercorrere le tappe della carriera di Letta: dalla Marsica all’Aquila e a Roma come giornalista, Direttore e Amministratore del quotidiano [i]Il Tempo[/i]. L’inserimento e la compartecipazione all’interno della Fininvest e, da ultimo, il coinvolgimento nelle attività di Governo del Paese.

L’Amministrazione Comunale e quasi tutti i Sindaci del cratere sismico, condividendo in senso unanime il giudizio dei cittadini castellani, hanno voluto stringersi attorno a questo figlio dell’Abruzzo per evidenziare, in forma tangibile, l’affetto che gli stessi nutrono per l’uomo che ha saputo e voluto essere vicino alle popolazioni colpite dal sisma in un momento di particolare difficoltà fisica, sociale ed economica.

Gianni Letta è apparso alquanto toccato e commosso dalle parole e dai giudizi che ha voluto e saputo ascoltare in perfetto silenzio. Ha ascoltato con attenzione anche le strazianti note della corale Fonte Vetica, che ha interpretato in maniera magistrale la vecchia canzone “Novantanove” in omaggio a L’Aquila.

Sicuramente, nella sua mente, come nella mia, saranno passati veloci i ricordi di un periodo della gioventù vissuti a L’Aquila nella redazione de [i]Il Tempo[/i]. Gli impegni quotidiani per il giornale. Le corse per apprendere le notizie di prima mano prima degli altri, in quei tempi non c’era l’attuale tecnologia e bisognava correre anche a piedi. I rapporti intrecciati con gli amici aquilani che sono scomparsi per l’età o per il terremoto.

Tutto ciò è apparso chiaro nel momento in cui Gianni Letta ha preso la parola, ribaltando completamente il discorso, poiché ritiene che sia lui a dover ringraziare Il Sindaco, la Giunta, il Consiglio e tutti i castellani non solo per il premio che hanno voluto conferirgli, ma, anche e soprattutto, per avergli consentito di vivere una intensa giornata a contatto con una natura ancora incontaminata. Con un ambiente caratterizzato da un centro storico dalla bellezza architettonica bella ed interessante, impregnato di storia, cultura e tradizioni che non dovremmo mai perdere, perché abbiamo l’obbligo ed il dovere di trasmettere ai posteri. Ha voluto sottolineare, con cortese ed arguta diplomazia, di ritrovarsi a casa ogni volta che riesce a venire nei nostri comuni e tra quella gente capace di trasmettere i valori dell’amicizia con intensa semplicità.

Più informazioni su

X