Quantcast

Coldiretti, ‘Terra mai così calda’

La temperatura media globale sulla terra durante l’estate 2012 è stata la più elevata mai registrata prima con un valore di ben 1,03 gradi [i]celsius[/i] superiore alla media. Lo ha reso noto la Coldiretti in occasione dell’Assemblea programmatica degli Stati Generali della [i]Green Economy [/i]organizzata in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, sulla base dell’analisi dei dati del [i]National Oceanic and Atmospheric Administration [/i](Noaa). Uno studio che – sottolinea la Coldiretti – evidenzia una accelerazione nei cambiamenti climatici in atto sulla terra con l’estate 2012 che sorpassa il precedente primato del 2010 mentre il 2011 scivola al quarto posto, dal lontano 1880 quando sono iniziate le rilevazioni.

Il record assoluto di quest’anno è la combinazione – spiega la Coldiretti – della seconda estate più calda (giugno-agosto) sulla terra nell’emisfero nord e della nona nell’emisfero sud con valori di temperatura eccezionali che si sono registrati negli Stati Uniti ed in Canada, nei paesi del sud e dell’est Europa, in Kazakhistan e in Siberia dell’est.

Sul piano ambientale secondo il Noaa gli effetti del clima si sono fatti sentire con lo scioglimento record dei ghiacciai con l’estensione del ghiaccio negli oceani dell’emisfero nord che ha raggiunto il valore minimo da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1972 con una superficie ad agosto 2012 di 4,72 milioni di chilometri quadrati, ben il 38,46 per cento in meno della media. A preoccupare sul piano produttivo è stato invece il crollo record dei raccolti agricoli. La vendemmia non è mai stata così avara e la produzione mondiale di vino è scesa ai minimi da quando sono iniziate le rilevazioni con appena 256,1 milioni di ettolitri, il 6 per cento in meno rispetto allo scorso anno.

Il [i]record[/i] negativo è il risultato dei crolli nei raccolti fatti registrare in Francia dove – sottolinea la Coldiretti – si stimano 44,1 milioni di ettolitri di vino con un calo medio del 14 per cento rispetto allo scorso anno, anche per effetto del crollo del 26 per cento per lo champagne mentre in Italia, a causa del caldo torrido e della siccità, il risultato della vendemmia è stimato pari a 40,5 milioni di ettolitri, in calo del 5 per cento.

Non va meglio – continua la Coldiretti – per i raccolti di cereali la cui produzione mondiale, secondo le ultime previsioni della Fao, nel 2012 sarà intorno ai 2295 milioni di tonnellate, 52 milioni di tonnellate in meno, un calo del 2,2, rispetto al 2011. «Una situazione che conferma l’importanza che l’Italia difenda e valorizzi il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile in una situazione in cui già adesso circa la metà’ dei prodotti alimentari sono importati», sostiene il presidente della Coldiretti Sergio Marini.

Il 46% degli italiani è preoccupato che la produzione di cibo non sia sufficiente a soddisfare il fabbisogno della popolazione anche per effetto del calo delle terre coltivata, secondo una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Eurobarometro. La preoccupazione degli italiani – conclude la Coldiretti – è superiore a quella della media dei cittadini Ue che si ferma al 43 per cento anche se i più allarmati sono i greci con il 94 per cento, i più colpiti dalla crisi tra gli europei.

[GotoHome_CTorna alla Home]