IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Nuove opportunità per gli operatori socio-sanitari

Oggetto: SOCIALE: GATTI, 500 ML PER VOUCHER PER FORMAZIONE OPERATORI

Inoltrato automaticamente

SOCIALE: GATTI, 500 ML PER VOUCHER PER FORMAZIONE OPERATORI

(2012-08-10 10:33)

E’ stato pubblicato questa mattina sul sito della Regione Abruzzo l’avviso pubblico per la presentazione delle domande per accedere alle risorse stanziate nell’ambito del progetto speciale [i]”Voucher per la formazione degli operatori socio-sanitari[/i]”, finanziato con 500 mila euro del piano operativo 2012/13 del fondo sociale europeo 2007/13.

Il progetto intende sostenere e favorire la qualificazione degli operatori socio-sanitari, attraverso l’erogazione di voucher finalizzati alla frequenza di corsi, che saranno realizzati nella regione Abruzzo al fine di soddisfare le esigenze occupazionali del settore.

Potranno presentare domanda e accedere ai fondi del progetto i residenti in Abruzzo in stato d’inoccupazione e disoccupazione e anche gli occupati appartenenti a famiglie in possesso di reddito Isee inferiore a 20 mila euro.

Il limite massimo di contribuzione alle spese ammissibili per la partecipazione ai corsi per ogni destinatario è di 1.500 euro e comunque non oltre il 50% del costo del corso. Il finanziamento sarà saldato al rilascio della qualifica professionale di operatore socio-sanitario. Le domande potranno essere presentate entro e non oltre il 31 ottobre 2012.

«La figura degli operatori socio-sanitari – ha spiegato l’assessore regionale Paolo Gatti – diviene all’interno della nostra struttura sociale sempre più importante e rilevante. Non solo è una qualifica professionale molto richiesta dal mercato in questo momento, ma anche un lavoro che richiede una preparazione adeguata alla delicatezza dei compiti che esso comporta. Con i voucher vogliamo sostenere quegli abruzzesi che hanno scelto questo percorso di qualificazione professionale, così da consentire loro di accedere il prima possibile, e preparati al meglio, al mercato del lavoro. Il welfare di domani, in considerazione dei continui tagli finanziari decisi dallo Stato, non potrà prescindere anche dalla passione e dalla professionalità che tutti i soggetti coinvolti nelle diverse funzioni di assistenza alle persone metteranno nello svolgere il loro lavoro».

[url”Torna alla Home Scuola e Giovani”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=211[/url]

X