IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ricostruzione, ‘ripristinare disponibilità 2mld euro’

L’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano ha inviato una nota al commissario per la Ricostruzione Gianni Chiodi e, per conoscenza, al sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, alla Cassa Depositi e Prestiti e all’Abi (Associazione bancaria italiani), in merito alle spese per la riparazione, ricostruzione e sostituzione edilizia delle abitazioni danneggiate dal sisma. «Con la presente – scrive l’assessore Di Stefano – si vuole sollecitare il ripristino della disponibilità di due miliardi di euro, al fine di evitare il blocco dei pagamenti, da parte degli istituti bancari, per le pratiche della ricostruzione, in considerazione della residua disponibilità».

La lettera, che si invia in allegato, contiene un tabella esplicativa e riassuntiva del [i]plafond [/i]disponibile, dalla quale si evince che l’importo stanziato per tutto il cratere è di due miliardi di euro, quello impegnato è di 1 miliardo 732 milioni 969 mila 459 euro, di cui concessi finora, sempre per l’intero cratere, 1 miliardo 614 milioni 454 mila 478 euro. L’importo nella disponibilità degli istituti di credito, ai fini del rilascio dei contributi, è pertanto di 267 milioni 30 mila 540 euro.

LA REPLICA – «In risposta alla nota dell’assessore del Comune dell’Aquila Pietro Di Stefano, inviata alla stampa ma non ancora pervenuta – per ovvi motivi oggettivi – al commissario delegato, si evidenzia che lo stesso commissario, Gianni Chiodi, ha già provveduto, nei giorni scorsi e ben prima dei clamori mediatici provocati dallo stesso esponente della giunta Cialente, a inoltrare richiesta al governo nazionale per il ripristino del plafond di 2 miliardi di euro per l’assegnazione dei contributi per la riparazione degli immobili privati, destinato al circuito Cassa Depositi e Prestiti. Nella stessa richiesta si è sottolineata la necessità di agire con sollecitudine, considerato che l’attuale plafond è sufficiente per soddisfare le richieste sino a settembre prossimo». E’ quanto si legge in una nota di Antonio Morgante, responsabile della segreteria del Commissario Delegato per la Ricostruzione.

[url”Torna alla Home Attualità”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=202[/url]

X