IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Giovani: 2 milioni per l’alta formazione

E’ stato pubblicato questa mattina sul sito della Regione Abruzzo l’avviso del progetto “[i]Voucher per la formazione universitaria e per l’alta formazione[/i]”, finanziato con 2 milioni di euro del Fondo sociale europeo Abruzzo 2007/13.

L’iniziativa mira a favorire e sostenere il diritto all’alta formazione, facilitando le scelte individuali degli studenti meritevoli attraverso l’erogazione di voucher finalizzati alla frequenza, in Italia e all’estero, di corsi di studio universitario, specializzazioni, master e altri interventi di elevata valenza professionalizzante.

In particolare, i voucher formativi finanziabili sono riconducibili a tre tipologie di azioni: la prima prevede percorsi formativi universitari svolti in Italia (corsi di laurea specialistica, a tali corsi sono equiparati quelli della laurea magistrale e della laurea secondo il vecchio ordinamento) e corsi di laurea triennale. La seconda prevede percorsi formativi post laurea svolti in Italia (corsi di specializzazione, master di II livello, master di I livello). La terza tipologia, infine, prevede percorsi formativi svolti all’estero (master post laurea, corsi di alta professionalizzazione organizzati da Università, Accademie, altre Istituzioni pubbliche e private di alta formazione).

Per le prime due tipologie il finanziamento massimo per ogni singolo voucher è di 8 mila euro, per la terza il finanziamento massimo è di 12 mila euro.

Le domande potranno essere presentate dalla data di pubblicazione dell’avviso fino al 20 settembre 2012.

«Crediamo nel merito dei nostri studenti e per questo abbiamo raddoppiato lo stanziamento dei fondi rispetto alla precedente edizione del progetto sui voucher per l’alta formazione – ha commentato l’assessore Paolo Gatti – Diamo particolare importanza alla preparazione e al merito dei ragazzi che potranno accedere a questo sostegno economico e per queste ragioni abbiamo previsto diversi criteri di merito per l’assegnazione dei voucher: dall’età, alla valutazione della votazione dell’ultimo titolo di studio, dal conseguimento dello stesso entro i tempi previsti dalla durata legale del percorso, alla valutazione del numero degli esami sostenuti. Il merito deve trasformasi da vuota evocazione a principio concreto per definire ruoli, responsabilità e affidare risorse agli individui. In Abruzzo in questi anni abbiamo cercato di rendere concreta l’idea che una società migliore si costruisce anche attraverso la promozione del merito e il riconoscimento di chi si impegna e mette a frutto i propri talenti. In questa economia globalizzata possiamo possiamo giocare la nostra partita solo sul terreno delle competenze e delle conoscenza. E da questa considerazione nascono le nostre politiche che vedono sempre al centro il merito e gli incentivi per promuovere il sapere».

[url”Torna alla Home Scuola e Giovani”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=211[/url]

X