IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Campo infame: Caceres ko

Più informazioni su

di Xavier Jacobelli

Infame. E’ l’aggettivo appropriato per descrivere le condizioni del campo di patate di Bari dove, ieri sera, si è disputato il Trofeo Tim.

Martin Caceres teme conseguenze molto serie per i legamenti del ginocchio e di sicuro questo stop complica maledettamente il suo avvo di stagione; Simone Pepe si è stirato; Mirko Vucinic si è infortunato, ma in maniera molto meno grave. E Antonio Conte ha sbottato: “Tutta colpa del terreno di gioco, era sabbioso”. Bravo. Ma accorgersene prima, no?

E’ mai possibile che Juve, Inter e Milan, alla prima uscita stagionale degna di questo nome, siano andati allo sbaraglio per raccattare l’ingaggio di un triangolare disputato in condizioni proibitive per la salute dei giocatori?

Ma come si fa ad anteporre le esigenze di cassa a tutto il resto?

E’ ammissibile che nessuno, fra i dirigenti delle tre società che contano organigrammi sfarzosi (un addetto al campo, un giardiniere, un portaborse, un impiegato) si sia preso la briga di verificare lo stato di un terreno spaccagambe prima del calcio d’inizio sincerandosi ei rischi che si sarebbero corsi? No, è inammissibile.

Complimenti vivissimi per l’organizzazione e la prevenzione degli infortuni. L’importante è portare a casa l’ingaggio. Il resto è vita.

[i]

[url”Torna al Network Mister x per IlCapoluogo.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/blogger/Xavier%20Jacobelli[/url]

[/i]

Più informazioni su

X