IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Protocollo sperimentale per ‘orsi confidenti’

Pescasseroli – Il consiglio direttivo del parco nazionale Abruzzo, Lazio e Molise ha adottato un protocollo sperimentale per la gestione degli ‘orsi confidenti’. Si tratta di un importante documento operativo previsto dal piano di conservazione, messo a punto dal parco nell’ambito del progetto Life Arctos, che sarà attuato per gli anni 2012 e 2013.

Gli orsi confidenti sono quegli animali che provocano danni o sono protagonisti di interazioni uomo-orso con una frequenza tale da creare problemi economici e sociali al punto da richiedere un immediato intervento gestionale.

«Il lavoro sugli orsi confidenti – spiega il presidente del parco Giuseppe Rossi – è complesso. Questo protocollo è un’occasione per sviluppare una strategia di conservazione dell’orso incentrata sulla prevenzione del danno e del comportamento confidente dell’orso stesso. Fino ad oggi abbiamo sempre lavorato in condizioni di emergenza perché mancava un piano e non c’erano linee guida condivise. Adesso, con questo programma c’è un grosso salto di qualità».

Il protocollo è stato presentato anche ai sindaci del Parco per coinvolgere le amministrazioni locali nella tutela di questo prezioso animale a forte rischio di estinzione.

La gestione del fenomeno degli orsi problematici deve essere tale da non sottrarre alcun esemplare all’esigua popolazione del Parco. Nel protocollo sono previsti gruppi di intervento formati da guardie del parco e agenti del Cta, incaricati di censire le risorse trofiche di origine animale e umana e allestire strutture preventive come recinti e reti elettriche nei pollai e negli impianti di allevamento zootecnico. I gruppi di intervento metteranno in campo anche azioni di dissuasione nei confronti di quegli orsi che si dimostreranno eventualmente problematici, tenendo conto che, ad oggi, soltanto “Gemma” sta creando qualche difficoltà, in particolare nella Valle del Sagittario.

Quella di ieri è stata l’ultima seduta del consiglio direttivo condotta dal presidente Giuseppe Rossi. Gli organi sono, infatti, in scadenza: domani, 14 luglio, termina il mandato del presidente mentre, il 4 agosto prossimo, quello dei membri del consiglio. Spetta ora al Ministro dell’Ambiente procedere alla nomina del nuovo presidente e del nuovo direttivo per i prossimi 5 anni.

[url”Torna alla Home Marsica”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X